Articoli su terrorismo

Notizie »

Danny Glover: Sei una madre ed una donna meravigliosa

danny-glover

Il famoso attore e attivista statunitense, Danny Glover, inviò lo scorso Martedì una lettera di auguri per il suo ottantesimo compleanno a Mirta Rodríguez, madre di Antonio Guerrero, uno dei cinque cubani antiterroristi ingiustamente incarcerati negli Stati Uniti.

Notizie »

Il terrorismo a Miami ed i suoi complici

incendio-terrorista

La bomba incendiaria che distrusse gli uffici dell’impresa di voli verso Cuba Airlines Broker, che dirige la signora Vivian Mannerud non solo aprì vecchi ricordi di quando a Miami esplodevano ovunque bombe con franca impunità per i terroristi anti-castristi mascherati da “patrioti cubani”, ma inoltre è servita per dimostrare di nuovo la simpatia o la vigliaccheria dei funzionari pubblici eletti al sud della Florida, perché nessuno di loro ha avuto la prodezza di condannare pubblicamente questo atto criminale che macchia l’immagine di tutta la comunità di Miami

Notizie »

L’anno elettorale e gli intolleranti di Miami

MONEY-DEMOCRACY

La campagna elettorale negli Stati Uniti per scegliere il nuovo occupante della Casa Bianca a partire dal 20 gennaio 2013 si è immessa nella sua fase finale. Il terrorismo anticubano in questo paese, che è sempre stato tollerato dalle amministrazioni nordamericane che si sono succedute, si esibisce costantemente in questi giorni. Nella notte di venerdì 27 aprile un incendio distrusse gli uffici di Airline Brokers, a Coral Gables, Miami – Dade, una delle otto compagnie che organizza viaggi a Cuba attualmente.

Notizie »

Una bambina è obbligata a scendere da un aeroplano negli USA per apparire nella lista delle “persone pericolose”

Ryanna, la bambina terrorista

Agenzie di notizie internazionali hanno scritto che un impiegato dell’Aeroporto Internazionale di Fort Lauderdale-Hollywood si è avvicinato a Riyanna ed ai suoi genitori, nati negli USA e di ascendenza musulmana, e li ha informati che la loro figlia “è compresa nella lista di passeggeri non graditi.”

Notizie »

Chi tirò la bomba, chi la tirò….?

Airline

La popolare “guaracha” creola, “Chi tirò la bomba, chi la tirò….?” che cantava a L’Avana il tradizionale Trio Matamoros, integrato da Ciro Cueto e Miguel, là durante gli anni trenta del passato Secolo XX, torna a riscuotere attualità in una Miami rivoltosa e brutale dei nostri giorni.

Notizie »

La strana Miami: l’uomo che ha ucciso 73 persone, libero e con un’intensa vita sociale

Posada Carriles al ristorante Versailles, in una “celebrazione patriottica”

Non ha rivelato pubblicamente di cosa hanno parlato, ma non ci si potrebbe aspettare niente di buono considerando il calibro dei partecipanti. Una riunione a Miami del cosiddetto Partito del Popolo Cubano Ortodosso –il cui nome da solo offende il ricordo dell’organizzazione fondata da Eduardo Chibas- che è riuscita a radunare personaggi che alle loro spalle hanno una lunga storia d’aggressioni e terrorismo contro Cuba.

Notizie »

Denunciano che Posada Carriles prepara nuove azioni contro Cuba

Luis Posada Carriles

Il terrorista Luis Posada Carriles pianifica nuove azioni violente contro Cuba con l’appoggio di gruppi radicati nella meridionale città statunitense di Miami, come trascese oggi qui. Le attività dell’autore confesso dell’esplosione in ottobre del 1976 di un aeroplano cubano con 73 persone a bordo trascorrono nella cornice del più assoluto segreto, precisa un articolo del portale Cubadebate.

Notizie »

Minacciano a morte giornalista che informò sulla madre di Orlando Zapata

Reina Luisa Tamayo (a destra) vicino al terrorista Luis Posada Carriles, a Miami. Tra i due, una signora sconosciuta.

Il giornalista cubano residente a Miami Miguel Fernandez che sta collaborando recentemente con il blog cubano “La pupilla insonne” ha denunciato che a partire dal momento che quella pubblicazione ha fatto conoscere il suo testo ”Ci hanno tradito”, dice Reina Luisa Tamayo, che non riempie oramai titolari nella stampa di Miami” ha cominciato a ricevere un “onda di minacce, perfino contro la vita.”

Fidel riflessioni »

La frutta che non cadde

La frutta che non cadde

Cuba è stata costretta a lottare per la propria esistenza di fronte a una potenza espansionista, ubicata a poche miglia delle coste, che proclamava l’annessione della nostra isola, la cui unica destinazione era cadere nel loro seno come frutta matura. Eravamo condannati a non esistere come nazione.

Fidel riflessioni »

Volontà d’acciaio (Seconda Parte e finale)

Volontà d’acciaio (Seconda Parte e finale)

Quando nel 1976 avvennero le più gravi azioni di terrorismo contro Cuba e soprattutto la distruzione in volo dell’aereo cubano che era decollato da Barbados con 73 persone a brodo – tra piloti, hostess, personale ausiliario che prestava i suoi nobili servizi in quella linea, la squadra giovanile completa che aveva ottenuto tutte le medaglia d’oro disputate nel Campionato centroamericano e dei Caraibi di scherma, i passeggeri cubani e di altri paesi che viaggiavano fiduciosi in quell’aereo -i fatti provocarono un tale indignazione che in Piazza della Rivoluzione si riunì per la veglia del lutto la più straordinaria e numerosa concentrazione che ho mai visto e della quale è rimasta la testimonianza fotografica.