Artículos de Notizie

Notizie »

Ramonet smonta le fake news sul Venezuela

Ignacio Ramonet

Le recenti elezioni presidenziali svolte in Venezuela sono state vinte con un ampio margine dal candidato della Rivoluzione Bolivariana, nonché presidente uscente Nicolas Maduro. Come sempre accade in materia di Venezuela, la stampa internazionale si è scatenata a reti unificate per screditare l’intero processo elettorale e sminuire la schiacciante vittoria del chavismo.

Notizie »

Venezuela: i compiti immediati

Maduro-Chávez

L’opposizione venezuelana ha sperperato, questa domenica, una possibilità unica di misurare le forze con il governo di Nicolás Maduro. Se, come dicono i suoi portavoce, dentro e fuori il Venezuela, gli oppositori contano sul favore della stragrande maggioranza della popolazione, perché non hanno presentato una candidatura unica che, forse, avrebbe potuto aprirgli la porta del Palacio de Miraflores e raggiungere, con mezzi istituzionali, la tanta anelata “uscita” del presidente Maduro?

Notizie »

Il parlamentare russo Yushchenko spiega che in Venezuela «il popolo ancora una volta ha vinto la partita contro la CIA»

MaduroVittoria

Alexander Yushchenko è un parlamentare del Partito Comunista delle Federazione Russa, vicepresidente della Commissione per la politica dell’informazione della Duma russa. Secondo la sua opinione, il risultato delle presidenziali in Venezuela, dimostra che «il popolo ancora una volta ha vinto la partita contro la CIA, che lavora in Venezuela. I venezuelani sostengono il percorso avviato da Hugo Chavez, nonostante il fatto che i cosiddetti “esperti” statunitensi nel “regime change” stiano portando avanti la loro propaganda».

Notizie »

E’ deceduta Grettel Landrovell, una delle tre sopravvissute dell’incidente aereo a Cuba

GrettelL

Grettel Landrovell Font, una delle tre sopravvissuto dell’incidente aereo di venerdì scorso, che era ricoverata nell’Ospedale Universitario Calixto Garcia, è deceduta nel pomeriggio di questo lunedì 21 maggio 2018. Nell’informazione della mattina di questo lunedì, il direttore dell’Ospedale Universitario Generale Calixto Garcia, Carlos Alberto Martinez, aveva precisato che tra le tre pazienti quella con prognosi più sfavorevole era Grettel, che era già stata operata due volte per un ematoma dentro il tessuto cerebrale, con un’incisione per decomprimere la zona e migliorare la circolazione, come risultato delle scottature nella schiena.

Notizie »

Rafael Correa a Roma: “In Ecuador c’è un colpo di stato. Non c’è più stato di diritto e ci sono prigionieri politici ma all’Europa non interessa”

Rafael Correa

“In Ecuador un anno fa ha vinto la Revolucion Ciudana grazie a 10 anni di nostri successi straordinari, ma alla guida del paese c’è oggi un traditore che applica il programma delle destre, distrugge tutte le nostre conquiste sociali e si macchia di arresti arbitrari. In Ecuador sono tornati i prigionieri politici”. L’ex Presidente dell’Ecuador e una delle figure più carismatiche della stagione d’oro del progressismo in America Latina, Rafael Correa era a Roma nella giornata di ieri, giovedì 17 maggio, per denunciare l’arresto anticostituzionale di Jorge Glas e per partecipare ad una cena di raccolta fondi per le spese legali del suo ultimo vice-presidente. “Gli danno del corrotto. Ma per le spese legali servono soldi. Lo hanno arrestato senza una prova. Dove sono i soldi? Per la difesa serve lo sforzo di tutti per questo sono qui, per una cena di raccolti di fondi”.

Notizie »

Venezuela alla vigilia di un’elezione storica

MaduroElezioni

I venezuelani si preparano ad andare alle urne questa domenica in un contesto segnato dall’aumento delle tensioni politiche e nonostante le richieste di astensionismo di fronte alle complessità economiche. Comunque, tutto è pronto per le elezioni presidenziali e l’elezione dei 251 membri ai consigli legislativi statali questo 20 di maggio.

Notizie »

Il “colpo da maestro” degli Stati Uniti contro il Venezuela

Kurt Walter Tidd

Gli Stati Uniti e i loro alleati preparano in silenzio un piano brutale per «mettere fine alla dittatura» in Venezuela. La prima parte di questo «colpo da maestro» (Masterstroke), già predisposta, dovrebbe essere messa in atto prima delle prossime elezioni. Se l’esito di questa offensiva, che sarà sorretta dall’intero apparato propagandistico e mediatico, nonché da azioni violente “in difesa della democrazia”, non sarà la cacciata del presidente Nicolas Maduro, il piano B è già pronto, coinvolgerà molti Paesi per riuscire a imporre una “forza multilaterale” che intervenga militarmente.

Notizie »

Al Nakba e la mattanza israeliana del popolo palestinese

strageGaza

Mentre scrivo le agenzie riportano 59 martiri a Gaza. Purtroppo, anche stamattina, mi compaiono solo i 43 nomi già scritti, più un altro. Leila al-Ghandour, 8 mesi, morta stanotte per eccessiva inalazione di gas lacrimogeni. Otto mesi, infanticidio. Erano 900 i feriti da inalazione. Ma ciò che conta e che in molti non sanno è che i lacrimogeni sparati dai cecchini israeliani, che si aprono all’impatto con il suolo o direttamente in aria, non contengono solo elementi urticanti, ma agenti altamente tossici che, se inalati per tempo più o meno prolungato, portano ad un arresto respiratorio.

Notizie »

In Siria non ci sono basi iraniane, tutti i morti sono soldati siriani

Fady

All’alba del 10 maggio, l’Esercito israeliano ha attaccato per cinque ore installazioni che suppongono essere delle forze iraniane e varie batterie di difesa antiaerea in Siria. Tuttavia da Damasco assicurano che le forze attaccate dall’Israele sono 100% siriane. Fady Marouf, giornalista siriano collaboratore di Prensa Latina a Damasco, ha rivelato a Sputnik che i bersagli attaccati da Israele all’alba erano tutti batterie di difesa siriane. “L’Iran non ha niente a che vedere”, ha assicurato.

Notizie »

Incendiano statua di Marx in Germania

Karl-Marx-1

La statua inaugurata giorni fa nella città tedesca di Treviri con motivo del bicentenario della nascita del filosofo tedesco Karl Marx è stata oggi oggetto di un attacco piromane, ha comunicato la Polizia. Sconosciuti hanno dato fuoco in ore dell’alba ad un stendardo che hanno legato alla statua di bronzo nella città natale di Marx. I pompieri sono accorsi a spegnere il fuoco e la scultura non è stata danneggiata.