Notizie »

Penalizzeranno a Cuba funzionari che hanno violentato i simboli sacri

Cuba penalizzerà i funzionari della ditta Labiofam che hanno presentato due profumi in supposto omaggio al guerrigliero argentino-cubano Ernesto Che Guevara ed allo scomparso presidente venezuelano Hugo Chavez. Per questo grave errore saranno prese le misure disciplinari che corrispondano, ha detto la nota del Comitato Esecutivo del Consiglio dei Ministri (governo) ha pubblicato sabato il periodico Granma.

Notizie »

Hugo ed Ernesto debordano da una bottiglia di profumo

C’è ombra a L’Avana, e non precisamente per il clima, bensì per un titolare dell’agenzia AP tanto inquietante come “A che cosa profumano il Che Guevara e Hugo Chavez a Cuba” che aveva la notizia della presentazione di due profumi nel congresso Labiofam 2014.

Notizie »

Lettera di Fidel Castro a Nicolas Maduro: il ricordo di Hugo Chavez non ha lasciato di essere presente

Incontro di Fidel con Maduro a L'Avana il 21 dicembre 2013

Caro Nicolas: ho avuto il piacere di ascoltare il tuo discorso nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. E’ stato un pronunciamento coraggioso e brillante, all’altezza dell’eroico Presidente Hugo Chavez, che è stato capace di denunciare la politica diabolica dell’impero che minaccia la vita della nostra specie, in questo stesso luogo.

Notizie »

Negli Stati Uniti non governa Obama, assicura Evo Morales

Il presidente boliviano, Evo Morales, ha qualificato la recente conferenza indigena dell’ONU come “un avanzamento molto importante, non per Bolivia, bensì per gli abitanti del pianeta Terra”, durante la sua intervista con la giornalista Eva Golinger in un’edizione speciale di “Dietro la notizia”, un programma della rete televisiva Rusia Today. Morales ha ricordato che fino al 1950 in Bolivia gli indigeni, come le donne, non avevano diritto al voto. “Ci dicevano che il movimento indigeno era analfabeta, non pagava imposte, pertanto erano considerati come ignoranti e non avevamo diritto a partecipare alle elezioni.”

Notizie »

Negli Stati Uniti muoiono più militari per suicidio che in combattimento

foto: Reuters

Un militare statunitense ha più probabilità di suicidarsi che di morire in combattimento, secondo gli ultimi dati pubblicati dal Dipartimento della Difesa e dal sito web icasualties.org, corrispondenti all’anno 2013. Dopo la ritirata delle truppe statunitensi dall’Iraq e dall’Afghanistan, le morti in combattimento sono scese a 127, mentre il numero di suicidi è aumentato a 255.

Notizie »

Cuba all’ONU: urge unirsi a questo sforzo globale contro l’Ebola

Abelardo Moreno

Intervento di Abelardo Moreno, vice ministro di Relazioni Estere della Repubblica di Cuba nella sessione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU dedicata alla lotta contro l’Ebola, il 18 settembre 2014. (Versione Stenografica–Consiglio di Stato)

Notizie »

Poroshenko reclama appoggio nordamericano: “La guerra dell’Ucraina è anche degli Stati Uniti”

Durante la sua visita negli USA, il presidente ucraino, Piotr Poroshenko, ha sollecitato a Washington che offra a Kiev aiuti militari urgenti. Benché il presidente degli USA, Barack Obama, avesse promesso somministrare unicamente assistenza non letale a Kiev, Poroshenko ha ricalcato nel suo discorso che questo non sarebbe sufficiente. “Le coperte e gli occhiali da visione notturna sono importanti, ma non si può vincere la guerra con coperte. Uno non può mantenere la pace con una coperta”, ha detto il presidente ucraino.

Notizie »

Victor Jara, 41 anni dopo

Victor Jara

Cantava, scriveva poemi, è stato professore, mimo e direttore teatrale, ma aveva idee di sinistra: Victor Jara ha ricevuto 44 spari dopo essere stato torturato dalla dittatura di Augusto Pinochet. E’ accaduto in Cile, 41 anni fa, il 16 settembre 1973, assassinato nello stadio Cile, dopo il suo sequestro, un giorno dopo il golpe di Stato di Pinochet, quando si trovava nell’Università Tecnica Statale di Santiago.

Notizie »

Grazie!: la prima parola di Fernando Gonzalez a Madrid

Foto: Ambasciata cubana a Madrid

“La mia prima parola è: Grazie! che dirigo a tutti quelli che da qui in Spagna ci hanno dato respiro durante i miei 15 anni in prigione; alle migliaia di donne ed uomini che, in Spagna, hanno trovato nell’ingiustizia contro i miei quattro fratelli e contro di me, una causa per la quale lottare”, ha dichiarato Fernando Gonzalez Llort, lottatore antiterrorista cubano giusto al suo arrivo, passato il mezzogiorno di oggi, all’aeroporto di Madrid-Barajas “Adolfo Suarez” dove è stato ricevuto dall’Ambasciatore di Cuba in Spagna, Eugenio Martinez Enriquez.

Notizie »

Antonio Guerrero sottolinea la solidarietà con i Cinque

Tony Guerrero

Antonio Guerrero, uno dei tre eroi cubani ancora imprigionati negli Stati Uniti, ha sottolineato oggi la crescente solidarietà internazionale con la sua liberazione e con quella dei suoi compagni, Gerardo Hernandez e Ramon Labañino. In un’intervista pubblicata questo venerdì sul quotidiano argentino Pagina 12, Guerrero, che come Gerardo e Ramon raggiunge oggi i 16 anni di confino, sottolinea che il supporto che ricevono mostra “l’amore che tante persone sentono per Cuba e per il nostro popolo”.