Artículos de Fidel riflessioni

Fidel riflessioni »

Articolo di Fidel: Il destino incerto della specie umana

Articolo di Fidel: Il destino incerto della specie umana

Un’enorme ignoranza avvolge non solo questa, ma anche le sue forme infinite di esperienze. Perfino le impronte digitali dei gemelli omozigoti, nati da uno stesso ovulo, si differenziano durante gli anni. Non invano, gli Stati Uniti, il paese imperialista più poderoso che abbia mai esistito si auto-inganna assumendo come dottrina un paragrafo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dove si afferma: “tutti gli uomini nascono liberi e con pari dignità e diritti, ed essendo dotati come sono per natura di ragione e coscienza, devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.”

Fidel riflessioni »

Articolo di Fidel Castro: Il Compleanno

Articolo di Fidel Castro: Il Compleanno

Domani compierò 90 anni. Nacqui in un territorio chiamato Biran, nella regione orientale di Cuba. Si conosce con questo nome, benché non sia mai apparso in una mappa. Dato il suo buon comportamento era conosciuto da amici vicini e, naturalmente, da una piazza di rappresentanti politici ed ispettori che si vedevano intorno a qualunque attività commerciale o produttiva proprie dei paesi neo-colonizzati del mondo.

Fidel riflessioni, Notizie »

Messaggio di Fidel su Eugenio George: l’ho sempre ammirato molto

Messaggio di Fidel su Eugenio George: l’ho sempre ammirato molto

Stimati compagni dell’INDER:
Ho letto oggi nel Granma che Eugenio George, prestigioso e famoso specialista nell’area sportiva, che ha portato la squadra femminile di pallavolo di Cuba sui più alti podi del mondo di questo sport, era deceduto sabato, e nel pomeriggio della domenica, familiari ed ammiratori avevano accompagnato i suoi resti mortali fino al punto dove è stato seppellito nella necropoli di Colon.

Fidel riflessioni »

La menzogna prezzolata

La menzogna prezzolata

Mi spinge a scrivere il fatto che molto presto succederanno avvenimenti gravi. Non trascorrono nella nostra epoca dieci o quindici anni senza che la nostra specie corra pericoli reali di estinzione. Né Obama né nessuno potrebbe garantire una cosa diversa; lo dico per realismo, poiché solo la verità potrebbe offrirci un po' più di benessere ed un soffio di speranza. Siamo arrivati in materia di conoscenze alla maggiore età. Non abbiamo diritto di ingannare né di ingannarci.

Fidel riflessioni »

Il dovere di evitare una guerra in Corea

Il dovere di evitare una guerra in Corea

“Alcuni giorni fa ho fatto riferimento alle grandi sfide che affronta oggi l’umanità. La vita intelligente è sorta nel nostro pianeta circa 200 mila anni fa, tranne nuove scoperte che dimostreranno il contrario. Non si può confondere l’esistenza della vita intelligente con l’esistenza della vita che, dalle sue forme elementari nel nostro sistema solare, è sorta milioni di anni fa.

Fidel riflessioni »

L’universo e la sua espansione

L’universo e la sua espansione

Rispetto tutte le religioni anche se non li condivido. Gli esseri umani cercano una spiegazione alla sua esistenza, dai più ignoranti ai più saggi.

Fidel riflessioni »

L’inimmaginabile

L’inimmaginabile

I Yogi fanno cose con il corpo umano che scappano alla nostra immaginazione. Sono lì, davanti ai nostri occhi, attraverso immagini che arrivano istantaneamente da enormi distanze, attraverso Pasaje a lo Desconocido.

Fidel riflessioni »

Il cibo e il sano impiego

Il cibo e il sano impiego

Le condizioni di lavoro sono create perché il paese cominci a produrre in massa la Moringa Oleifera e il Gelso, che sono anche fonti inesauribili di carne, uova e latte, fibre di seta filate in modo artigianale e in grado di fornire posti di lavoro all’ombra e ben pagati, indipendentemente dall’età o dal sesso.

Fidel riflessioni »

Nicolas Guillen

Nicolas Guillen

Salute Guevara

O meglio ancora dal bassorilievo americano:

Aspettaci. Partiremo con te. Vogliamo

morire per vivere come tu hai morto.

per vivere come tu vivi.

Che Comandante, amico

Fidel riflessioni »

Deng Xiaoping

Deng Xiaoping

Si vantava di essere un uomo saggio, e, certamente, c’è stato. Ma commise un piccolo errore. “Bisogna punire Cuba”, disse un giorno. Il nostro paese nemmeno pronunciò il suo nome. È stata un’offesa assolutamente gratuita.