Articoli su terrorismo

Notizie »

Cinque dati importanti sulla tragedia di Orlando

Questo 12 giugno, il club gay Pulse, nella città di Orlando dello stato della Florida, è stato scenario di una massiccia sparatoria che rubò la vita di mezzo centinaio di persone. In quella stessa città, pochi giorni prima, la cantante Christina Grimies era stata assassinata terminando un concerto. L’attacco, considerato come “il maggiore attentato che hanno sofferto gli USA dal 11S”, è stato perpetrato da Omar Mateen, che confermò la sua lealtà all’Isis. Il terrorista è stato capace di comprare legalmente tutto un arsenale e perpetrare il massacro nonostante vari interrogatori dell’FBI su presunti vincoli col terrorismo.
Di seguito riveliamo i 5 dati più importanti dietro questo massacro.

Notizie »

Leopoldo López condannato a 13 anni e 9 mesi: giustizia è fatta

“Fai attenzione ai mezzi di comunicazione, perché se non sarai prevenuto, costoro ti faranno amare l’oppressore e odiare l’oppresso”, ebbe a scrivere Malcom X, il grande attivista nero assassinato il 21 febbraio 1965 all’interno del terrorismo di Stato statunitense contro la comunità afroamericana negli USA. Orbene, quando leggiamo articoli come quello di Massimo Cavallini sul “Fatto Quotidiano” dell’11 settembre 2015 in merito alla condanna di 13 anni e 9 mesi al fascista e golpista reo confesso Leopoldo Lopez, non possiamo fare a meno di constatare come la suddetta frase di Malcom X si addica proprio a questo genere di giornalisti salariati, che cercano di far “amare l’oppressore e odiare l’oppresso”.

Notizie »

Europa si è trasformata in una forza senza valori e senza compassione

L’Europa affronta in questo momento quella che probabilmente si trasformerà nella maggiore crisi di rifugiati dalla Seconda Guerra Mondiale. Non solo per quello che è successo fino ad ora, bensì per quello che continuerà a succedere. Davanti a questa situazione, i governi dell’UE hanno reagito ignorando le loro responsabilità, mercanteggiando con le insufficienti quote che la Commissione Europea voleva assegnare loro e facendo dichiarazioni che denotano una totale mancanza di compassione e solidarietà con le vittime di una guerra (una situazione nella quale si trovano, oltre ai siriani, i libici, gli afgani, gli eritrei ed i sudanesi del sud).

Notizie »

Presidente siriano denuncia minaccia di mercenari pagati da Israele

“I gruppi terroristici che operano in Siria sono mercenari pagati da Israele e rappresentano una minaccia maggiore che gli attacchi aerei ordinati da Tel Aviv”, ha affermato il presidente siriano, Bashar al-Assad. In un’intervista concessa alla rete televisiva libanese al-Manar, al-Assad ha insistito che i veri strumenti che Israele utilizza contro Damasco (le bande estremiste armate, come l’Isis), sono più pericolose dei recenti attacchi aerei eseguiti dall’aviazione sionista contro la città di Quneitra e nelle Alture del Golan occupato.

Notizie »

Io non sono Charlie

Carlo Frabetti

Perché dopo i massacri perpetrati nel mondo islamico dal neofascismo occidentale, dopo gli olocausti della Palestina e del Sahara, dell’Iraq e dell’Afghanistan, della Libia e della Siria, che hanno portato milioni di musulmani disperati a cercare rifugio nel Corano, per prendersi gioco delle loro credenze partendo dai privilegi dell’auto-denominato “primo mondo” bisogna essere un idiota morale o un idiota totale. E per trasformare in bandiera della libertà di espressione quelli che scherniscono nella loro disperata fede gli oppressi ed i massacrati, bisogna essere tanto canaglia come i politici occidentali ed i mezzi di comunicazione al loro servizio.

Notizie »

Da quando il terrorismo non è tanto perverso

Una mattina dell’autunno del 1962 la città de L’Avana ha albeggiato sotto la scossa di detonazioni, risultato degli spari fatti da un’imbarcazione che proveniente da Miami ha lanciato, con un cannone di 20 millimetri, una raffica contro un hotel della città. Mentre gli aggressori ritornavano in Florida tra applausi e titolari esultanti dei quotidiani, nei miei primi ricordi da studente della scuola elementare, la commozione tra la cittadinanza rimarrebbe registrata per sempre.

Notizie »

La foto del giorno: Luis Posada Carriles guidando a Miami

Luis Posada Carriles

Luis Posada Carriles, l’assassino responsabile dell’esplosione di un aeroplano civile cubano in pieno volo, nel quale sono morte 73 persone nel 1976, vive la sua vecchiaia felice a Miami, dove è stato visto nella sua auto moderna guidando lungo Coral Gables. La foto è stata presa dal blog di Yadira Escobar, che vive nel sud degli Stati Uniti.

Notizie »

Terroristi di vecchia data ripetono attacchi contro Cuba dagli USA

La detenzione in Cuba di un commando proveniente dagli Stati Uniti che pretendeva realizzare atti violenti sull’isola, evidenzia la doppia morale di Washington nella sua allegata guerra contro il terrorismo. Il Ministero dell’Interno ha annunciato la detenzione a Cuba di quattro cittadini di origine cubana e residenti a Miami che hanno riconosciuto che pretendevano attaccare installazioni militari cubane.

Notizie »

Conclusioni preliminari della Commissione Internazionale di Investigazione sul Caso dei Cinque

È conveniente che siano esposte alla conoscenza pubblica le considerazioni preliminari di questa udienza, un’udienza che potrebbe contribuire al compimento dei diritti umani, in generale, ed ai diritti di un giudizio giusto, in questione, di Cinque esseri umani cubani. Tutte queste persone sono cittadini cubani: il Sig. Gerardo Hernandez Nordelo, il Sig. Ramon Labañino Salazar, il Sig. Antonio Guerrero Rodriguez, il Sig. Fernando Gonzalez Llort, ed il Sig. Renè Gonzalez; tutti condannati negli Stati Uniti d’America nel 2001 per certi delitti relazionati con la sicurezza dello Stato. Il Sig. Hernandez è stato condannato inoltre di cospirazione per commettere assassinio.

Notizie »

Il Crimine delle Barbados continua impune

Posada

A 37 anni dall’atroce attentato terrorista al volo 455 di Cubana di Aviazione con destinazione a L’Avana, Cuba, il crimine, fino ad oggi, persiste impune. E le famiglie continuano a piangere la perdita di 73 vite innocenti, in attesa di giustizia. I passeggeri, 57 cubani, 11 persone della Guyana e 5 funzionari culturali coreani, stavano per approdare sull’isola di Cuba dopo che la Selezione Nazionale di Scherma aveva realizzato una maestosa partecipazione nel campionato centroamericano di questa disciplina sportiva.