Articoli su terrorismo

Notizie »

La strana Miami: l’uomo che ha ucciso 73 persone, libero e con un’intensa vita sociale

Posada Carriles al ristorante Versailles, in una “celebrazione patriottica”

Non ha rivelato pubblicamente di cosa hanno parlato, ma non ci si potrebbe aspettare niente di buono considerando il calibro dei partecipanti. Una riunione a Miami del cosiddetto Partito del Popolo Cubano Ortodosso –il cui nome da solo offende il ricordo dell’organizzazione fondata da Eduardo Chibas- che è riuscita a radunare personaggi che alle loro spalle hanno una lunga storia d’aggressioni e terrorismo contro Cuba.

Notizie »

Denunciano che Posada Carriles prepara nuove azioni contro Cuba

Luis Posada Carriles

Il terrorista Luis Posada Carriles pianifica nuove azioni violente contro Cuba con l’appoggio di gruppi radicati nella meridionale città statunitense di Miami, come trascese oggi qui. Le attività dell’autore confesso dell’esplosione in ottobre del 1976 di un aeroplano cubano con 73 persone a bordo trascorrono nella cornice del più assoluto segreto, precisa un articolo del portale Cubadebate.

Notizie »

Minacciano a morte giornalista che informò sulla madre di Orlando Zapata

Reina Luisa Tamayo (a destra) vicino al terrorista Luis Posada Carriles, a Miami. Tra i due, una signora sconosciuta.

Il giornalista cubano residente a Miami Miguel Fernandez che sta collaborando recentemente con il blog cubano “La pupilla insonne” ha denunciato che a partire dal momento che quella pubblicazione ha fatto conoscere il suo testo ”Ci hanno tradito”, dice Reina Luisa Tamayo, che non riempie oramai titolari nella stampa di Miami” ha cominciato a ricevere un “onda di minacce, perfino contro la vita.”

Fidel riflessioni »

La frutta che non cadde

La frutta che non cadde

Cuba è stata costretta a lottare per la propria esistenza di fronte a una potenza espansionista, ubicata a poche miglia delle coste, che proclamava l’annessione della nostra isola, la cui unica destinazione era cadere nel loro seno come frutta matura. Eravamo condannati a non esistere come nazione.

Fidel riflessioni »

Volontà d’acciaio (Seconda Parte e finale)

Volontà d’acciaio (Seconda Parte e finale)

Quando nel 1976 avvennero le più gravi azioni di terrorismo contro Cuba e soprattutto la distruzione in volo dell’aereo cubano che era decollato da Barbados con 73 persone a brodo – tra piloti, hostess, personale ausiliario che prestava i suoi nobili servizi in quella linea, la squadra giovanile completa che aveva ottenuto tutte le medaglia d’oro disputate nel Campionato centroamericano e dei Caraibi di scherma, i passeggeri cubani e di altri paesi che viaggiavano fiduciosi in quell’aereo -i fatti provocarono un tale indignazione che in Piazza della Rivoluzione si riunì per la veglia del lutto la più straordinaria e numerosa concentrazione che ho mai visto e della quale è rimasta la testimonianza fotografica.

Notizie »

La “Lupa Feroce” Ileana Ros-Lehtinen mostra gli artigli ai bambini de La Colmenita

Ileana Ros Lethinen, la lupa feroce

La congressista repubblicana Ileana Ros-Lehtinen, conosciuta a Cuba come “la lupa feroce”, sollecitò all’amministrazione di Barack Obama un’immediata spiegazione per il conferimento dei visti al gruppo teatrale infantile La Colmenita, in tournée negli Stati Uniti. Il blog Caffè Fuerte pubblica una lettera inviata lunedì alla Segretaria di Stato Hillary Clinton dove la legislatrice manifesta: “Concedere i visti ad un’organizzazione che sta promuovendo delle spie colpevoli come eroi è un insulto a tutte le vittime della dittatura… Quelle spie cubane sono state inviate negli Stati Uniti per realizzare atti illeciti contro la nostra patria”.

Fidel riflessioni »

La Volontà d’acciaio (Prima parte)

La Volontà d'acciaio (Prima parte)

Granma e Juventud Rebelde, organi di stampa del Partito e della Gioventù, hanno pubblicato due giorni fa, venerdì 14 ottobre, un coraggioso ed energico messaggio al popolo di Cuba dell’Eroe della Repubblica René González, al termine dell’odiosa ed ingiusta condanna a 13 anni, in isolamento, situazione in cui si trovano gli altri quattro Eroi che compiono condanne più lunghe in carceri distanti centinaia di miglia uno dall’altro.

Notizie »

L’Iran reclamò il dossier: gli USA usano lo stesso metodo di Hitler

Bandiera Iraniana

L’Iran reclamò oggi agli Stati Uniti il dossier sulla persona accusata di partecipare ad un presunto complotto terrorista della Repubblica Islamica ed ha fatto notare che Washington utilizza lo stesso sistema che Adolf Hitler per la diffusione di informazioni false.
Il cancelliere iraniano, Ali Akbar Salehi, ha detto che Teheran “è disposto ad esaminare qualunque caso, perfino se si tratta di qualcosa di falso”, riferendosi all’accusa sulla pianificazione di un complotto terrorista.

Notizie »

…..E la notte più lunga terminò con l’alba più emotiva nella vita di Olga Salanueva

Olga Salanueva

La donna che aspettò che la giustizia restituisse il suo uomo a casa dopo 13 lunghi anni, sa che questo già non è possibile.
Non si è potuta fare giustizia, né suo marito potrà ritornare immediatamente a casa che sua moglie e le sue figlie hanno preparato per lui.
Per questo motivo lei non ha chiuso un occhio nella lunga notte dal 6 al 7 ottobre 2011. Sapeva che a qualunque ora avrebbe suonato il telefono, la voce che avrebbe ascoltato era quella che la scuote da qualunque distanza.
Finalmente, un poco dopo le 5 e 30 dell’alba, ora di Cuba, arrivò la chiamata più attesa della sua vita.

Notizie »

Alle 4:30 AM del 7 ottobre è stato liberato Renè Gonzalez

Rene e le sue due figlie

Alla 4:30 dell’alba di oggi è stato liberato Renè Gonzalez del carcere di Marianna, in Florida, benché dovrà rimanere negli Stati Uniti sotto il regime di libertà vigilata per tre anni.
All’uscita della prigione l’aspettavano le sue due figlie, Irma ed Ivette, suo fratello, Roberto, ed il padre, Candido, oltre al suo avvocato, Philip Horowitz, informò l’inviata speciale di TeleSUR, Aissa Garcia.