Fidel riflessioni »

LA SINCERITÀ ED IL VALORE D’ESSERE UMILI

LA SINCERITÀ ED IL VALORE D'ESSERE UMILI

Qualunque lavoro di stampo autobiografico mi obbliga a chiarire i dubbi su decisioni prese oltre mezzo secolo fa. Mi riferisco a sottili dettagli, dato che l’essenziale non si dimentica mai. Questo è quello che mi capita per ciò che ho fatto nel 1948, sessant’anni fa.

Fidel riflessioni »

LA SQUADRA OLIMPIONICA DI BASEBALL

LA SQUADRA OLIMPIONICA DI BASEBALL

Ha tuonato l’indignazione dei tifosi per la sconfitta subita la domenica sabato. Questo parla da sé: ti-fo-si!

Fidel riflessioni »

L’IMPOTENZA DELLE POTENZE

L'IMPOTENZA DELLE POTENZE

Il Vértice dei leader delle otto potenze più industrializzate del pianeta si è tenuto i giorni 7, 8 e 9 luglio in un posto montuoso di fronte al lago Toyako, formato al cratere di un vulcano a nord dell’isola Hokkaido, nell’estremità settentrionale dell’arcipelago giapponese.  Non si sarebbe potuto scegliere un altro posto più isolato ed allontanato dal rumore mondano.

Fidel riflessioni »

IL RIPOSO

IL RIPOSO

Ieri, martedì, avevo una montagna di  dispacci d’agenzia con
notizie sulla riunione in Giappone delle potenze più industrializzate.
Lascerò il materiale per un altro giorno, se non diventa vecchio. Ho
deciso di riposare. Ho preferito incontrarmi con Gabo e sua moglie,
Mercedes Barcha, che fino al giorno 11 sono in visita a Cuba. Che
desiderio avevo di parlare con loro e ricordare i quasi 50 anni di
sincera amicizia!

Fidel riflessioni »

LA PACE ROMANA

LA PACE ROMANA

I dati che utilizzo sono stati fondamentalmente raccolti dalle
dichiarazioni dell’ambasciatore degli Stati Uniti in Colombia, William
Brownfield, dalla stampa e dalla televisione di quel paese, dalla
stampa internazionale e da altre fonti. Impressiona lo spreco di
tecnologia e risorse economiche utilizzate.

Fidel riflessioni »

LA STORIA REALE E LA SFIDA DEI GIORNALISTI CUBANI

LA STORIA REALE E LA SFIDA DEI GIORNALISTI CUBANI

Sette giorni ho parlato di uno dei grandi della storia, Salvador
Allende, che il mondo ha ricordato con profonda emozione e rispetto,
commemorando il primo centenario della sua nascita. Nessuno, invece, si
è emozionato e nemmeno si è ricordato del 24 ottobre 1891, il giorno in
cui – 18 anni prima del nostro ammirato fratello cileno – nacque il
despota dominicano Rafael Leónidas Trujillo.

Fidel riflessioni »

IL GIRO DI MCCAIN E L’EVIDENTE DESTINAZIONE DELLA IV FLOTTA

IL GIRO DI MCCAIN E  L'EVIDENTE DESTINAZIONE DELLA IV FLOTTA

Mentre preparavo una riflessione sui rapporti tra McCain e la mafia terrorista anticubana di Miami ed altri temi d’interesse storico connessi, sono arrivate delle notizie fresche su questo personaggio, che i falchi dell’impero proiettano come sostituto di Bush: la sua visita in Colombia e Messico, che incomincerà domani. Non è possibile evitarli, perché in realtà confermano le opinioni che stiamo sostenendo.

Fidel riflessioni »

SALVADOR ALLENDE, UN ESEMPIO CHE PERDURA

SALVADOR ALLENDE, UN ESEMPIO CHE PERDURA

Nacque 100 anni fa a Valparaíso, nel sud del Cile, il 26 giugno 1908. Suo padre, della classe media, avvocato e notaio, militava nel Partito Radicale cileno. Quando nacqui, Allende aveva 18 anni. Frequenta le superiori in un liceo della sua città natale.

Fidel riflessioni »

I DIRITTI UMANI, LO SPORT E LA PACE

I DIRITTI UMANI, LO SPORT E LA PACE

Mi sono meravigliato del fatto che nessuna delle mie amiche, le agenzie di notizie, non abbia detto nulla, il sabato scorso, sull’alta valutazione fatta dall’UNESCO a proposito dell’educazione a Cuba, che nonostante le azioni degli Stati Uniti, supera i livelli raggiunti dagli altri paesi della regione, come se questo non avesse niente a che fare con i diritti umani.

Fidel riflessioni »

LA VERITÀ E LE DIATRIBE

LA VERITÀ E LE DIATRIBE

È noto che nei paesi industrializzati e ricchi le persone investono negli alimenti, in media, circa il 25 per cento delle loro entrate. Coloro che appartengono ai popoli che sono stati da quelli mantenuti nello sottosviluppo economico, per questo stesso motivo hanno bisogno fino all’80 per cento delle loro entrate. Molti patiscono la fame e soffrono enormi differenze sociali. I tassi di disoccupazione sono, di norma, due o tre volte maggiori; la mortalità infantile s’esprime in proporzioni ancora più elevate e la prospettiva di vita si riduce fino a due terzi di quella goduta da loro. Il sistema è semplicemente genocida.