Fidel riflessioni »

UN POPOLO SOTTO IL FUOCO

UN POPOLO SOTTO IL FUOCO

Il Venezuela, il cui popolo ereditò da Bolívar idee che oltrepassano i
confini della sua epoca, affronta oggi una tirannia mondiale mille
volte più potente della forza coloniale della Spagna unita alla neonata
Repubblica degli Stati Uniti, la quale, con Monroe, proclamò il diritto
alla ricchezza naturale del continente ed al sudore dei suoi popoli.

Fidel riflessioni »

LA FATTURA DEL PETROLIO E LO SVILUPPO

LA FATTURA DEL PETROLIO E LO SVILUPPO

A Riad, Chávez l’ha detto con estrema chiarezza: la fattura del
petrolio e del gas dei paesi in via di sviluppo raggiunge i mille
miliardi di dollari. Ha proposto all’OPEC, che fu sul punto di essere
sciolta prima che giungesse al potere il governo bolivariano ? che l’ha
presieduta e preservata per 8 anni ? d’assumere il ruolo, mai
realizzato, per cui fu creato il Fondo Monetario Internazionale.

Fidel riflessioni »

IL DIALOGO CON CHÁVEZ

IL DIALOGO CON CHÁVEZ

Lo scorso 15 novembre ho fatto riferimento ad una terza
riflessione sul Vertice Ibero-americano; ho detto testualmente: “che
per ora non pubblico”. Mi sembra tuttavia più conveniente farlo prima
del 2 dicembre.

Fidel riflessioni »

IN ONORE DI SERGIO DEL VALLE

IN ONORE DI SERGIO DEL VALLE

Sergio ed io abbiamo avuto il privilegio di stare lì, nel posto di
comando sito alla destra della foce del fiume Almendares, all’alba del
15 aprile, quando, 45 anni fa, bombardieri B-26 degli Stati Uniti con
insegne cubane e piloti mercenari attaccarono le basi aeree di Ciudad
Libertad, San Antonio de los Baños e l’aeroporto civile di Santiago de
Cuba.

Fidel riflessioni »

LA WATERLOO IDEOLOGICA

LA WATERLOO IDEOLOGICA

Ho iniziato diverse riflessioni che mi sono ripromesso. Una di queste
prende spunto dalle idee essenziali del libro di Greenspan, ex
presidente della Riserva Federale, utilizzando le sue stesse parole. In
quel testo si può percepire con chiarezza la pretesa imperialista di
continuare a comprare il mondo e le sue risorse naturali ed umane
pagando con banconote profumate.

Fidel riflessioni »

IL DIBATTITO DEL VERTICE

 IL DIBATTITO DEL VERTICE

Le pareti, la distanza ed il tempo si sono azzerati. Sembrava irreale.
Un dialogo di questo tipo tra Capi di Stato e di Governo, che nella
loro quasi totalità rappresentavano paesi per secoli saccheggiati dal
colonialismo e dall’imperialismo, non era mai successo. Nulla avrebbe
potuto essere più didattico.

Fidel riflessioni »

IL VALORE DELLE IDEE

IL VALORE DELLE IDEE

Che era un uomo d’idee.

Fidel riflessioni »

BUSH, MAMBÍ?

BUSH, MAMBÍ?

Viva Cuba libre! era il grido di guerra con cui s’identificavano nelle pianure e nelle montagne, nei boschi e nei campi di canna da zucchero, coloro che il 10 ottobre 1868 iniziarono la prima guerra per l’indipendenza di Cuba.

Fidel riflessioni »

BUSH, LA FAME E LA MORTE

 BUSH, LA FAME E LA MORTE

Per la prima volta, e prima dell’annuale discussione all’ONU del  progetto di risoluzione cubano di condanna del blocco, il Presidente degli Stati Uniti annuncia che adotterà nuove misure per accelerare nel nostro paese il “periodo di transizione”, che equivale alla riconquista di Cuba con la forza.

Fidel riflessioni »

LE ELEZIONI

LE ELEZIONI

Le nostre elezioni sono l’antitesi di quelle che si svolgono negli
Stati Uniti, non una domenica, bensì il primo martedì di novembre. Lì,
la cosa più importante è essere molto ricco, oppure contare sul
sostegno di molti soldi. Dopodichè, investire delle somme enormi nella
pubblicità, che è esperta nel lavaggio dei cervelli e nei riflessi
condizionati. Sebbene esistano onorevoli eccezioni, nessuno ha la
possibilità d’aspirare ad un qualsiasi incarico se non dispone di
milioni di dollari.