Articoli su America Latina

Notizie »

La Patria Grande: un vero mal di testa per gli USA

CELAC3

La Patria Grande unita, che hanno sognato Simon Bolivar e Josè Martì è un vero mal di testa per il regime degli Stati Uniti che procura oggi a tutti i costi di deviare l’attenzione dal II Vertice della Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici (CELAC), il cui segmento presidenziale si svolgerà i giorni 28 e 29 prossimi a Cuba.

Notizie »

Correa denuncia la complicità delle multinazionali con le corti di arbitraggio

CorreaAlba

Il presidente ecuadoriano, Rafael Correa, ha denunciato oggi presso il XII Vertice dell’Alleanza Bolivariana dei Popoli della Nostra America (ALBA) la complicità tra le ditte multinazionali e le corti internazionali di arbitraggio. Uno dei pericoli che affrontano i processi di cambiamento, ha detto Correa, è l’impero del capitale che ha più diritto degli esseri umani e può portare direttamente a qualunque Stato ad un centro di arbitraggio internazionale, oltretutto corrotto e disonesto.

Notizie »

Il Che oggi

che-guevara-pta-del-este-1961

Bisognerebbe risaltare innanzitutto l’impressionante sopravvivenza del suo esempio. Il tempo trascorso dalla sua morte è più lungo di quello della sua esistenza interrotta in piena gioventù. Successive generazioni l’hanno accompagnato. Rinacque in uomini e donne che l’amarono senza averlo conosciuto e per lui diedero le loro vite una ed un’altra volta.

Notizie »

Le ultime confessioni di un dittatore

Jorge Rafael Videla

Nel febbraio del 2012, la rivista spagnola Cambio16 ha pubblicato un reportage su Jorge Rafael Videla, fatto dal sociologo Ricardo Angoso. In una nota successiva, il giornalista Horacio Verbitsky sottolineò l’ “enorme valore storico” di quell’intervista nella quale il dittatore rivendicò l’azionare delle forze armate, parlò dell’appoggio al golpe di alcuni partiti politici e della Chiesa Cattolica, ed ha considerato che gli indulti di Carlos Menem corressero l’ “errore” di condannare la repressione di Stato.

Notizie »

Assange: “Gli USA controllano quasi tutte le comunicazioni in America latina”

julian-assange-wikileaks

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha denunciato che la sovranità dei paesi dell’America latina e dei Caraibi “è in rischio” perché gli Stati Uniti controllano quasi tutte le loro comunicazioni attraverso la Rete. Assange ha segnalato che l’infrastruttura di Internet dirige “gran parte del traffico” da e verso l’America Latina attraverso dei cavi di fibra ottica che fisicamente passano attraverso gli USA.

Notizie »

Evo Morales respinge le dichiarazioni di Kerry sull’America Latina

evo-morales

Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha respinto oggi le dichiarazioni del capo della diplomazia statunitense, John Kerry, nelle quali ha qualificato l’America Latina come “patio posteriore” del suo paese. In un atto prima di partire per Perù per il Vertice dell’Unione delle Nazioni Sud-Americane per analizzare la situazione in Venezuela, il mandatario ha assicurato che chiederà al plenum dei capi di Stato una dichiarazione di ripudio a questo pronunciamento.

Notizie »

Cancro, arma segreta?

sepulcro-chávez1

Un articolo pubblicato agli inizi del 2012 del giornale inglese The Guardian, rivela che la CIA ha sviluppato una pistola per iniettare cellule cancerogene e fa una lunga lista dei leader della sinistra, avversari degli Stati Uniti, che sono morti per questa malattia.
Quando il presidente del Venezuela, Hugo Chavez, ha assicurato che gli Stati Uniti avrebbero potuto sviluppare un modo per costruire un’arma che inietta il cancro, sembrava un caso per X File e per i teorici delle cospirazioni.

Notizie »

Eduardo Galeano ed Alicia Alonso Premi ALBA delle Lettere e delle Arti 2012

Foto di Cubarte

Lo scrittore uruguaiano Eduardo Galeano, autore del libro “Le vene aperte dell’America Latina”, e la direttrice del Balletto Nazionale di Cuba, Alicia Alonso, hanno vinto questo mercoledì i premi ALBA-2012 delle Lettere e delle Arti, rispettivamente, ha informato la giuria.

Notizie »

Grave minaccia dal Rio Bravo alla Patagonia

no-al-golpe-de-estado-en-paraguay

Il golpe di Stato contro il presidente del Paraguay, Fernando Lugo, esige di una revisione della sua strategia e tattica da parte dei governi progressisti e delle forze popolari latinoamericane. Basta ricordare che gli Stati Uniti dispongono di una grande pista di atterraggio in Mariscal Estigarribia, sul Chaco paraguaiano, pronta per ricevere aeroplani di trasporto Galaxy e bombardieri B-52.

Notizie »

“Nuovi tipi” di golpe di stato e sovversione permanente in America Latina

UNIDAD-UNASUR

Sono trascorsi 13 anni da quando in America Latina ed i Caraibi, per volontà dei popoli, si aprì un periodo di costituzione di governi di sinistra e progressisti che, senza l’esistenza del campo socialista dell’Europa dell’Est come contrappeso, ma con la presenza attiva e degna di Cuba, rappresentano una condizione di possibilità per costruire o almeno alterare l’ordine distruttivo del capitale.