Fidel riflessioni »

Con i piedi sulla terra

Con i piedi sulla terra

Non è necessario enfatizzare quello che Cuba ha sempre detto: non temiamo il dialogo con gli Stati Uniti. Non abbiamo bisogno nemmeno del confronto per esistere, come pensano alcuni stupidi; esistiamo proprio perché crediamo nelle nostre idee e non abbiamo mai temuto di dialogare con l’avversario. È l’unica forma di cercare l’amicizia e la pace tra i popoli. 

Fidel riflessioni »

PERCHÉ SI ESCLUDE CUBA?

PERCHÉ SI ESCLUDE CUBA?

Chi si prenderà le responsabilità? Chi esige adesso la nostra esclusione?  Non si capisce per caso che i tempi degli accordi esclusori contro il nostro paese sono rimasti molto in dietro?  Ci saranno importanti riserve in quella dichiarazione sottoscritta dai capi di Stato affinché si capisca che nonostante le modifiche raggiunte in dure discussioni, esistono idee che sono  inaccettabili per loro.

Fidel riflessioni »

La canzone di Obama

La canzone di Obama

La crisi è indissolubilmente legata al sistema di produzione e distribuzione capitalista. Il suo principale esponente, gli Stati Uniti, ha subito durante la sua storia due grande crisi che hanno colpito la sua economia per periodi durati oltre 20 anni. Questa è la terza e da essa guarirà molto lentamente. L’Europa lo sa per aver provato quest’amara esperienza. 

Fidel riflessioni »

L’INIZIO DEL VERTICE

L'INIZIO DEL VERTICE

Oggi è iniziato il Vertice del G-20. Gli esperti in questioni economiche hanno realizzato un enorme sforzo. Alcuni con esperienza in importanti incarichi internazionali; altri come ricercatori. Il tema è complesso, il linguaggio è nuovo ed esige familiarità con i termini, i dati economici, gli organismi internazionali ed i leader politici di più peso in ambito internazionale. Da ciò, la nostra ansia di semplificare e spiegare in modo intelligibile quanto succede a Londra, nel mondo in cui io lo vedo.

Fidel riflessioni »

Quello che non ha detto Notimex

Quello che non ha detto Notimex

“Dal 2006, l’operazione Milagro ha restituito o migliorato la vista di 19 mila 496 peruviani, 16 mila 907 nel Centro Oftalmologico cubano in Bolivia e 2 mila 589 nel Centro Oftalmologico cubano di Cuzco, che ha iniziato la sua attività il 15 dicembre 2008.

Fidel riflessioni »

Un altro grande problema del mondo attuale

Un altro grande problema del mondo attuale

La crisi finanziaria non è l’unico problema, ne esiste un altro peggiore perché non riguarda il modo di produzione e  di distribuzione, bensì la stessa esistenza. Mi riferisco al cambiamento climatico. Entrambi sono presenti e saranno discussi simultaneamente.

Fidel riflessioni »

Il preludio

Il preludio

Più di 180 paesi del mondo non saranno presenti alla riunione di Londra. Non invano si afferma che lì saranno soltanto i rappresentanti delle 20 maggiori economie del mondo. Tuttavia, ci sono profonde contraddizioni, sia all’interno dei paesi occidentali che tra essi ed i paesi emergenti che combattono la crisi finanziaria a favore del loro diritto allo sviluppo. 

Fidel riflessioni »

La Cina nelle note d’agenzia internazionali

La Cina nelle note d'agenzia internazionali

Della Riflessione ripresa da CubaDebate, pubblicata dalla nostra stampa lunedì 30 ed intitolata: “La Cina, la futura grande potenza economica”, la maggioranza delle note d’agenzia internazionali hanno informato solamente della parte riguardante le mie critiche alle dichiarazioni fatte da Biden a Viña del Mar.  Solo EFE ha dedicato al tema principale dell’articolo alcune righe al termine del suo dispaccio. Riconoscere il ruolo crescente della Cina nell’economia mondiale è per l’Occidente un boccone amaro.

Fidel riflessioni »

Cina, la futura gran potenza economica

Cina, la futura gran potenza economica

“I fatti sono evidenti e dimostrano che nei confronti di altre economie importanti, il governo cinese ha adottato le misure politiche giuste, fermi ed efficaci, dimostrando il vantaggio del suo sistema…”

Fidel riflessioni »

LA MENZOGNA AL SERVIZIO DELL’IMPERO

LA MENZOGNA AL SERVIZIO DELL'IMPERO

Limpido come l’acqua: le idee del vecchio impero spagnolo con le stampelle, cercando d’aiutare il corrotto, traballante e genocida impero yankee.

In oltre mezzo secolo, la superpotenza degli Stati Uniti e la mini-potenza spagnola non hanno appreso nulla dall’eroica resistenza di Cuba.