Fidel riflessioni »

LA ZAMPATA IN AGGUATO

LA ZAMPATA IN AGGUATO

Non risulterebbe per nulla strano che Israele e gli Stati Uniti, insieme
ai loro stretti alleati con diritti di veto nel Consiglio di Sicurezza,
Francia e Gran Bretagna, vogliano approfittare dell’enorme interesse
suscitato dal Mondiale di Calcio per tranquillizzare l’opinione pubblica
internazionale, indignata dalla condotta criminale delle truppe d’elite
di fronte alla Striscia di Gaza.

Fidel riflessioni »

Sulle soglie della tragedia

Sulle soglie della tragedia

Le conseguenze dei grovigli imperiali degli Stati Uniti potrebbero essere catastrofiche e colpirebbero tutti gli abitanti del pianeta, molto di più di tutte le crisi economiche messe insieme. 

Fidel riflessioni »

L’IMPERO E LA MENZOGNA

L'IMPERO E LA MENZOGNA

Non mi è rimasta altra alternativa di scrivere due riflessioni sull’Iran e sulla Corea per spiegare il pericolo imminente di una guerra con l’impiego di armi nucleari. (…)

I leader politici e l’opinione mondiale hanno una prova del cinismo e della totale  mancanza di scrupoli che caratterizzano la politica imperiale degli Stati Uniti.

Fidel riflessioni »

L’IMPERO E LA GUERRA

L'IMPERO E LA GUERRA

Il Presidente Obama può pronunciare centinaia di discorsi, tentando di conciliare contraddizioni che sono inconciliabili, a scapito della verità, sognare con la magia delle sue frasi ben articolate, mentre fa concessioni a personalità ed a gruppi totalmente privi di etica, disegnando mondi fantastici che sono solo nella sua testa e che consiglieri senza scrupoli, conoscendo le sue tendenze, seminano nella sua mente.

Fidel riflessioni »

L’IMPERO E LA DROGA

L'IMPERO E LA DROGA

Bisogna chiedere alla grande potenza, sostenuta da quasi mille basi militari e sette flotte, con portaerei nucleari e migliaia di aeroplani da combattimento, con cui tiranneggia il mondo,  che ci spieghi come risolverà il problema della droga.

Fidel riflessioni »

La trascendenza storica della morte di Martí

La trascendenza storica della morte di Martí

Facendo astrazione dai problemi che angosciano oggi la specie umana, la nostra Patria ebbe il privilegio d’essere culla di uno dei più straordinari pensatori nato in questo emisfero:  José Martí.

Fidel riflessioni »

La tirannia odiosa imposta al mondo

La tirannia odiosa imposta al mondo

La nostra epoca si caratterizza per un fatto senza precedenti:  la minaccia della sopravvivenza della specie umana imposta dall’imperialismo al mondo.
La dolorosa realtà non dovrebbe sorprendere nessuno. Gli si vedeva venire a passi accelerati nelle ultime decadi, ad un ritmo difficile da immaginare.

Fidel riflessioni »

LE PAZZIE DELLA NOSTRA EPOCA

LE PAZZIE DELLA NOSTRA EPOCA

L’essere umano è riuscito ad elevare le sue possibilità di vita fino a limiti che oltrepassano la propria capacità di sopravvivere. In quella battaglia  consuma in modo accelerato le materie prime a portata delle sue mani. La scienza ha reso possibile di trasformare la materia in energia, così come avviene con la reazione nucleare, al costo di enormi investimenti, ma non si scorge almeno la viabilità di trasformare l’energia in materia.

Fidel riflessioni »

La fratellanza tra la Repubblica BolIVariana e Cuba

La fratellanza tra la Repubblica BolIVariana e Cuba

Il nostro paese parla con l’autorità morale di una piccola nazione che ha resistito ad oltre mezzo secolo di brutale repressione da parte di quell’impero presagito da Bolivar, il più potente che sia mai esisto. L’immensa ipocrisia della sua politica ed il suo disprezzo per gli altri popoli l’ha condotto a situazioni molto gravi e pericolose. Tra le varie conseguenze, ci sono le prove giornaliere di vigliaccheria e cinismo, trasformate in pratiche quotidiane della politica internazionale, dato che la stragrande maggioranza delle persone oneste della Terra non ha alcuna possibilità di far conoscere le proprie opinioni, né di ricevere informazioni degne di fede.

Fidel riflessioni »

IL IX CONGRESSO DELL’UNIONE DEI GIOVANI COMUNISTI DI CUBA.

IL IX CONGRESSO DELL'UNIONE DEI GIOVANI COMUNISTI DI CUBA.

Non esagero se dico che è stato uno dei momenti più emozionanti della mia lunga e rischiosa vita. Non potevo trovarmi lì, ma l’ho vissuto dentro me stesso, come chi percorre il mondo delle idee per cui ha lottato per tre quarti della propria esistenza. Ciononostante per un rivoluzionario non varrebbero nulla idee e valori, senza il dovere di lottare ogni minuto della sua vita per vincere l’ignoranza con cui tutti veniamo al mondo. 

Non ci saranno mai soluzioni facili, il rigore e l’esigenza dovranno prevalere. Guardiamoci soprattutto da coloro che oltre all’acqua sporca buttano via i principi ed i sogni dei popoli.