Fidel riflessioni »

IL PARTO DELLA MONTAGNA

IL PARTO DELLA MONTAGNA

Bush era felice di avere Lula a sua destra alla cena di venerdì.  Hu Jintao, al quale rispetta per l’enorme mercato del suo paese, la capacità di produrre beni di consumo a basso prezzo e le abbondanti riserve in dollari e buoni di Stati Uniti, era seduto alla sua sinistra.

Fidel riflessioni »

LA RIUNIONE DI WASHINGTON

LA RIUNIONE DI WASHINGTON

Alcuni dei governi che ci appoggiano, a giudicare dalle loro recenti dichiarazioni, dicono ogni volta che lo fanno per agevolare la transizione a Cuba. Transizione verso dove? Verso il capitalismo, unico sistema al quale credono religiosamente. Non dicono neanche una sola parola per riconoscere il merito di un popolo che, sottomesso a quasi mezzo secolo di crudeli sanzioni economiche ed aggressioni, ha difeso una causa rivoluzionaria che, assieme alla sua morale ed al suo patriottismo, gli ha dato le forze per continuare.

Fidel riflessioni »

IL TERZO URAGANO

IL TERZO URAGANO

Può indebolirsi, ma ha già cominciato a piovere in quasi tutto il territorio nazionale. Le acque cadono sulle aree agricole saturate d’umidità per le recenti piove, ed i bacini con alto livello di ritenuta come conseguenza degli uragani Gustav ed Ike, verseranno le loro acque sulle valle e campi coltivati, come è capitato alla fine agosto e inizio settembre.  Questo uragano è stato battezzato con l’ingannevole nome di Paloma.

Fidel riflessioni »

LE ELEZIONI DEL 4 NOVEMBRE

LE ELEZIONI DEL 4 NOVEMBRE

Domani sarà un giorno di grande importanza. L’opinione mondiale sarà attenta a quello che accadrà negli Stati Uniti con le elezioni. Si tratta della nazione più potente del pianeta. Con meno del 5 percento della popolazione mondiale, succhia ogni anno enormi quantità di petrolio e gas, minerali, materie prime, beni di consumo e prodotti raffinati provenienti dall’estero; molti di loro, specialmente i combustibili e i materiali scavati dalle mine, che non sono rinnovabili.

Fidel riflessioni »

L’INCONTRO CON LULA

 L'INCONTRO CON LULA

Non è l’iniezione di denaro in sé ai paesi in sviluppo quello che
critico nella mia riflessione di ieri, come interpretarono alcuni
dispacci telegrafici.

Fidel riflessioni »

LA PEGGIORE VARIANTE

LA PEGGIORE VARIANTE

Il Fondo Monetario Internazionale, che è infatti la stessa cosa, annuncia l’iniezione di alte somme ai suoi clienti dell’Europa Orientale.  All’Ungheria l’inietta la somma pari a 20 miliardi d’euro, di cui la maggior parte sono dollari proveniente dagli Stati Uniti.  Le macchine non smettono di stampare banconote né il FMI di conferire i suoi prestiti leonini.

Fidel riflessioni »

L’ANALFABETISMO ECONOMICO

L'ANALFABETISMO ECONOMICO

Chávez ha parlato a Zulia sul “camerata Sarkozy”, e l’ha detto con una certa ironia, ma senza intenzione di ferirlo.  Anzi, ha voluto piuttosto riconoscere la sua sincerità, quando, nella sua condizione di Presidente rotativo della Comunità di Paese Europei, ha parlato a Beijing.

Fidel riflessioni »

LA CHIESA ORTODOSSA RUSSA

LA CHIESA ORTODOSSA RUSSA

E’ una forza spirituale.  Nei momenti critici della storia della Russia
ha avuto un ruolo importante.  Quando cominciò la Grande Guerra 
Patria, dopo lo sleale attacco nazista, Stalin accorse ad essa in
appoggio degli operai e dei contadini che la Rivoluzione d’Ottobre fece
padroni delle fabbriche e della terra.

Fidel riflessioni »

L’INSOLITO

L'INSOLITO

Domenica 12 ottobre, i paesi dell’Eurozona accordarono un piano anticrisi per iniziativa di Sarkozy, Presidente di Francia.
Lunedì 13, sono annunciate le cifre multimilionarie di denaro che i paesi dell’Europa lanceranno al mercato finanziario per evitare un collasso. Le azioni sono salite con le sorprendenti notizie.

Fidel riflessioni »

LA VERITÀ IN BATTAGLIA E IL LIBRO DE MARTIN BLANDINO (Terza e Ultima Parte)

LA VERITÀ IN BATTAGLIA E IL LIBRO DE MARTIN BLANDINO (Terza e Ultima Parte)

Mentre si svolgevano i drammatici combattimenti a Cangamba vediamo che gli intenzioni dei nemici andavano al di là di una azioni isolata. In primo luogo, era necessario salvare gli internazionalisti cubani e gli uomini della 32 brigata delle FLAPA.