Notizie »

Comincia VI Vertice delle Americhe in Colombia

Il VI Vertrice delle Americhe inizia oggi la sua prima giornata in questa città, con un’attiva partecipazione di vari attori sociali dell’emisfero nel Forum Sociale.

A questo evento che si estenderà fino al prossimo venerdì, si stima che assistano circa mille 50 persone tra giovani, indigeni, afro-colombiani, lavoratori e rappresentanti di organizzazioni sociali di una trentina di nazioni.

D’accordo con gli organizzatori, nel forum sociale ogni attore avrà la sua propria agenda di discussione, le sue proposte e programmazione attorno ai cinque temi della riunione emisferica dei capi di Stato e Governo, prevista per i giorni 14 e 15 aprile.

Queste sono: povertà ed iniquità, sicurezza cittadina, disastri naturali, accesso ed utilizzo di tecnologia ed integrazione fisica delle Americhe.

Come risultato di questo forum, gli attori sociali sperano che le loro raccomandazioni si riflettano in azioni concrete e risultati tangibili nella dichiarazione finale che uscirà dall’appuntamento continentale. Mentre, il presidente colombiano, Juan Manuel Santos, ha predetto che il Vertice delle Americhe sarà differente, poiché abbordano fatti che considerò come le problematiche con maggiore incidenza nell’emisfero.

In questo senso manifestò che il dibattito intorno ad un nuovo progetto della lotta contro il narcotraffico deve trattarsi nell’appuntamento, al tempo che ha spinto alternative meno costose e più effettive per combattere questo flagello.

La posizione della Colombia è che noi siamo il paese che più sacrificio ha fatto e più successo ha avuto; abbiamo smantellato i cartelli, tuttavia, dopo tanto sforzo uno sembra a volte che sta pedalando in una bicicletta statica, per questo motivo vogliamo discutere se ci sono altre alternative, espresse.

A sua volta, Santos espose la necessità di abbordare in questo Vertice il tema della partecipazione di Cuba in questo tipo di eventi, nazione che non assisterà per la pressione e manipolazione degli Stati Uniti.

Io spero che possa aprirsi uno spazio per Cuba, affinché si possa anche avvicinare agli Stati Uniti. La maggioranza dei paesi è d’accordo che Cuba ritorni e magari questo si può ottenere, sottolineò il mandatario nel suo programma istituzionale Urna di Vetro.

Santos sostenne che il mondo non vive oramai nella guerra fredda per trattare i paesi con una differente morale, per questo si deve tornare a vincolare tutti i paesi del continente.

Col tema di Cuba bisogna essere pragmatici, uno non capisce perché sia giudicata con una morale da alcuni paesi ed in un altro modo da altri della regione, reiterò.

In relazione alla decisione del presidente ecuadoriano, Rafael Correa, di non assistere all’appuntamento continentale, il mandatario colombiano assicurò che rispetta la sua posizione, ma che sentirà la sua mancanza nella riunione.

Ci dispiacciamo molto della decisione di Correa, abbiamo avuto un relazione molto buona, rispettiamo la decisione, ma ci mancherà molto, ha osservato.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*