Notizie »

Gli USA assumono giovani cubani per creare “arte di opposizione”

La libertà di espressione si può vendere e comprare. In Cuba denunciano che le agenzie statunitensi contrattano dei giovani affinché promuovano l’attività controrivoluzionaria.

Ricevere denaro per digitare alcuni caratteri è uno dei progetti di una società civile cubana sull’isola, ExpresArte, che esorta tutti attraverso Twitter a scrivere i chiamati “tuits della libertà”.

Denaro facile a prima vista, circa 250 dollari per il vincitore. Ma la sua espressione non sarebbe tanto libera, perché l’obiettivo degli organizzatori del concorso risponde ad un fine predestinato, come considerano gli esperti. ”

Questo tipo di progetti come “ExpresArte” sono creati dall’USAID che è il braccio esecutore della CIA. Queste iniziative sono interessate a comprare giovani. Giovani che sono interessati a creare arte che possa essere controrivoluzionaria”, assicura l’ex agente della contro-intelligenza cubana, Frank Vasquez.

Frank, che ha amministrato per più di 5 anni una galleria a Chicago, conosce alla perfezione come la gente giovane, specificamente artisti, sono captati nella Rete dai servizi speciali degli USA che “offrendo ville e castelli riescono a manipolare le coscienze”, assicura.

“Loro ti fanno sentire bene, praticamente rendono reali i tuoi sogni, con me, mi hanno portato negli USA, mi hanno fatto lavorare in quello che io volevo, amministrare una galleria d’arte, mi hanno fatto fare tutti i corsi che io voluto per potere essere un professionista di successo, ed a partire da lì, hanno cominciato a chiedermi in cambio tutto quello che volevano”, ha aggiunto Vasquez.

La Storia ci ha evidenziato che la cultura e l’arte hanno la capacità di cambiare il corso di tutta una nazione. Così gli artisti plastici con pennelli e tele, se sono acchiappati da piani oscuri, potrebbero trasformarsi in un attrezzo efficace nella lotta dei valori.

Allo stesso tempo, gli stessi pittori confessano che non sempre un abbondante salario inclina i giovani talenti a convertirsi in un’arma cieca. “Sì, conosco gente che ha avuto questo tipo di reazione. Ci sono due tipi di casi: gente che accetta questo tipo di iniziativa di manipolazione della stessa galleria e ci sono altri che non accettano, c’è gente che sì si lascia manipolare dalla galleria perché gli interessa un determinato status di vita e ci sono altri che non vogliono”, rivela Rafael Villares, un giovane pittore.

Gli esperti affermano che avere influenza sui giovani mediante la cultura giovanile è uno schema che è già stato provato con successo. “Le tecniche che si usano sono metodi che sono stati già raffinati nella guerra culturale contro il blocco socialista in Europa Orientale”, ha indicato da parte sua Raul Capote, ex agente della contro-intelligenza cubana ed agente doppio della CIA.

Gli ambienti che sono infettati con messaggi avvelenati abbondano, come ci ricorda Capote. Inoltre, l’esperto considera che “il più difficile in questa guerra è che l’artista che partecipa non sa neanche che sta facendo qualcosa di buono per il nemico. Questa gente si presenta come promotore culturale, come gente promotrice, è molto difficile sapere che si sta facendo questo tipo di manipolazioni”. Le proiezioni culturali che nascono con questo proposito speciale sono molto seducenti. Ma anche le tecnologie che si usano per spargere le idee, servono per mettere in allerta su possibili minacce, benché siano molto sottili.

con informazioni di RT

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*