Articoli su Twitter

Notizie »

Trump si vanta di ricevere un presunto premio dei mercenari cubani sconfitti a Playa Giron

Fidel Castro, Playa Larga, 17 aprile 1961

“Come un premio alla sconfitta” ha qualificato il cancelliere di Cuba, Bruno Rodriguez, l’onorificenza Baia dei Porci che si suppone sarebbe stata concessa al presidente statunitense, Donald Trump. “Qualunque onorificenza in #EEUU sulla Baia dei Porci è un premio alla sconfitta. Chi onora così il presidente, lo marca come un fallito”, ha sottolineato Rodriguez nel suo account di Twitter, in allusione all’orgoglio di Trump per questo premio, che rappresenta la fallita invasione mercenaria sull’isola in aprile del 1961.

Notizie »

Diaz-Canel si congratula con Cubadebate nel suo 16º compleanno

Diaz-Canel-Cubadebate1

“Auguri al collettivo di Cubadebate nel suo anniversario. Hanno costruito una piattaforma di comunicazione rivoluzionaria, moderna, attraente, robusta e seguita dai cubani”, ha scritto Diaz-Canel.

Notizie »

Presidente del Venezuela ringrazia per appoggio del mondo contro decreto di Obama

Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, ha ringraziato questo venerdì per l’appoggio nazionale ed internazionale alla campagna per #ObamaDerogaElDecretoYa, etichetta che si posiziona ora tra le prime in Twitter. “Grazie a tutti… che Viva La Pace e l’Indipendenza… Che Viva Venezuela…Thank you World.. #ObamaDerogaElDecretoYa”, ha scritto il mandatario in questa rete sociale.

Notizie »

Esigono nelle reti sociali l’abrogazione del decreto di Obama

Gli utenti delle reti sociali esigono oggi all’amministrazione degli Stati Uniti di abrogare il decreto dello stato di emergenza e di revocare la dichiarazione di quel governo che considera il Venezuela una minaccia. Con le etichette #ObamaDerogaElDecretoYa e #TuFirmaXLaPatria, gli utenti di Internet esprimono la loro solidarietà con questo paese sudamericano ed esortano a sostenere un’iniziativa per raccogliere 10 milioni di firme che inizierà ufficialmente oggi alle 11:00 ora locale.

Notizie »

Convocano a Gran Twitter Mondiale per la Libertà dei Cinque

Gli organizzatori del X Colloquio per la Libertà dei Cinque e contro il Terrorismo, che si celebrerà a L’Avana i giorni 11 e 12 settembre, convocano al gran twitter mondiale il giorno 12 dalle 10:00 am, ora di Cuba, come parte della gran valanga di solidarietà con gli antiterroristi cubani incarcerati ingiustamente negli Stati Uniti, che da centinaia di paesi, in modo travolgente, si estende per il mondo dal giorno 4 settembre, in cui è cominciata la Giornata Mondiale di Solidarietà con i Cinque e Contro il Terrorismo.

Notizie »

Vocalist di Calle 13 diffonde lettera di artista palestinese sulla situazione in Gaza

Il vocalist della banda portoricana Calle 13, Renè Perez Joglar, ha diffuso attraverso la rete sociale Twitter una lettera che gli ha mandato un artista palestinese, vittima delle attacchi israeliani che hanno lasciato più di 1400 morti nella Striscia di Gaza fino ad oggi.

Notizie »

Renè Gonzalez in twitter: il dialogo è necessario, per tutte le vie possibili

Renè Gonzalez. Foto: David Vazquez

L’unico dei Cinque che ha ottenuto la libertà, dopo avere compiuto integralmente la sproporzionata ed ingiusta condanna che gli è stata imposta da un Tribunale di Miami, ha ora una cittadinanza virtuale: @rene4the5. Poche ore dopo essersi integrato a questa piattaforma delle reti sociali, Renè raggiungeva già circa mille seguaci ed aveva inviato, in spagnolo ed in inglese, una dozzina di commenti in cui si riconosceva in maniera inequivocabile la voce dell’uomo, la cui maggiore ossessione è il ritorno dei suoi compagni imprigionati.

Notizie »

Gli USA assumono giovani cubani per creare “arte di opposizione”

Twitter-en-Cuba

La libertà di espressione si può vendere e comprare. In Cuba denunciano che le agenzie statunitensi contrattano dei giovani affinché promuovano l’attività controrivoluzionaria. Ricevere denaro per digitare alcuni caratteri è uno dei progetti di una società civile cubana sull’isola, ExpresArte, che esorta tutti attraverso Twitter a scrivere i chiamati “tuits della libertà”.