Notizie »

Ex agente della CIA è sospettato dell’assassinio di Pablo Neruda

Pablo Neruda

Pablo Neruda

L’investigazione che si sta svolgendo per determinare le vere cause della morte del poeta cileno Pablo Neruda (1904-1973) ha scoperto che il misterioso medico che avrebbe inoculato un veleno al poeta è Michael Townley, ex agente della CIA, già processato per le morti del generale Carlos Prats e dell’ex cancelliere Orlando Letelier.

Manuel Araya, che era l’autista di Neruda, è il querelante nel giudizio ed ha identificato Townley come presunto autore dell’avvelenamento del Premio Nobel della Letteratura nel 1971.

“Il dottore Sergio Drapper accusa Price, e per le caratteristiche fisiche che dà (1,80 di statura, biondo), sarebbe Michael Townley che ha inoculato il veleno a Neruda, ed altri due in più, che sono già stati identificati nell’investigazione che conduce il giudice Mario Carroza”, ha detto Araya in un’intervista con l’agenzia informativa italiana ANSA.

Townley, sposato con la scrittrice cilena Mariana Callejas, militava nel 1973 nel movimento di destra ultranazionalista “Patria e Libertà”, oppositore del governo di Salvador Allende (1970-1973) ed adepto alla causa dittatoriale del generale Augusto Pinochet (1973-1990).

Secondo le investigazioni, dopo il golpe militare, Townley è passato a fare parte dei servizi di intelligenza ed in casa sua si sperimentavano gas ed altre sostanze chimiche per inocularle agli oppositori della dittatura.

Araya ha aggiunto che nelle prossime settimane si conosceranno i nomi di altri due medici vincolati col decesso del poeta. Ha anche segnalato che aspettano perfino le perizie che si stanno realizzando negli USA, ed uno studio del DNA di Maria Malvina, figlia deceduta di Neruda.

Ugualmente, ha detto di essere fiducioso in che “stiamo nel cammino corretto”, perché sono apparse “molte cose rare” su quel 23 settembre, quando è morto il poeta.

Il 19 settembre 1973, otto giorni dopo il golpe di stato che ha abbattuto il presidente socialista Salvador Allende, Neruda che soffriva di cancro alla prostata, è stato ricoverato d’urgenza nella clinica privata Santa Maria, a Santiago, dove è deceduto quattro giorni più tardi.

Ufficialmente, la causa della sua morte è stato il cancro, ma due anni fa Araya ha affermato che il poeta è stato assassinato mediante un’iniezione letale ed insieme ad alcuni parenti dello scrittore hanno sollecitato un’investigazione giudiziale che è in corso e che ha implicato l’esumazione dei resti l’8 aprile scorso.

In quella stessa clinica, Santa Maria, è deceduto nel 1982 l’ex presidente Eduardo Frei Montalva (1964-1970) il cui decesso si era attribuito allora a motivi di salute, fino a che nel 2006 si è stabilito che era stato assassinato con l’iprite ed il tallio.

Townley è processato per le morti del generale Carlos Prats e sua moglie, a Buenos Aires (1974), e di Letelier, a Washington (1976), oltre che per l’attentato a Roma all’ex vicepresidente Bernardo Leighton.

Dalla decade scorsa vive in libertà e sotto l’anonimato che gli conferisce un’identità riservata che gli ha concesso la giustizia statunitense in cambio della sua supposta “collaborazione.”

con informazioni di Telesur

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*