Notizie »

Correa sul referendum in Ecuador: “Non ha validità. E’ un colpo di stato e Moreno andrebbe perseguito politicamente e giuridicamente”

CorreaSecondo il presidente del Consiglio Nazionale Elettorale (CNE), Nubia Villacis, la vittoria del “Sì” nei sette quesiti referendari svoltisi domenica in Ecuador si attesta tra il 64 e il 75 percento. Lo riporta TeleSur

La partecipazione popolare ha visto un’astensione maggiore rispetto alle tornate precedenti. Ha votato circa il 75% degli aventi diritto.

Il voto è stato al centro di un’aspra disputa tra Moreno e l’ex presidente Rafael Correa, leader storico della Revolucion Ciudadana, motore della vittoria elettorale di Moreno e che ha guidato la campagna “No”.

Nonostante la sconfitta, Correa ha dichiarato che il voto ha mostrato che i suoi sostenitori mantengono un sostegno significativo. “Congratulazioni a tutti i nostri attivisti! Nessun movimento nella parte del si può ottenere il 36%. Raggiunto in un breve periodo di tempo e in una lotta così impari. La lotta continua. Non possiamo accettare di violare l’ordine costituzionale secondo lo stato di diritto. Sempre avanti alla vittoria! ”

Attraverso il referendum di ieri, si è istituito un limite di rielezione possibile, impedendo di fatto a Correa, ancora così popolare nel paese, di potersi candidare di nuovo come presidente.

Gli altri quesiti, inoltre, compromettono molti degli aspetti di controllo popolare e di partecipazione dei cittadini nel controllo delle cariche pubbliche. Uno dei cardini della Revolucion ciudadana.

La legge per la tassazione delle plusvalenze sulla proprietà, inoltre, verrà eliminata a vantaggio degli sviluppatori immobiliari e degli speculatori del territorio.

In una mossa che ha di fatto spaccato il suo partito Alianza Pais, Moreno ha annunciato il referendum – definito “consultazione popolare” – in ottobre, abbracciato da tutte le destre che avevano guidato il paese nella famigerata fase del paese sotto protettorato del Fondo Monetario Internazionale.

Il 29 novembre, sostenendo che la Corte ha superato i 20 giorni per presentare la sua sentenza – che alcuni esperti legali e avversari del concorso – Moreno ha bypassato la valutazione obbligatoria della Corte Costituzionale sulla costituzionalità delle domande per il referendum e ha emesso un decreto presidenziale che invita il Consiglio elettorale nazionale a fissare una data per il voto referendario.

Per tutte queste ragioni, nel commentare il voto referendario, Correa ha definito la mossa di sopprimire la rielezione indefinita come un ‘colpo di stato’.

In un’intervista a TeleSur, Correa ha definito “incostituzionale” la consultazione e ha sottolineato che Moreno dovrebbe essere perseguito “politicamente e penalmente” per il suo provvedimento. A suo parere, le domande contemplate non hanno avuto l’approvazione della Corte costituzionale e quindi non hanno alcuna validità.

“Sappia l’America Latina, perché il popolo ecuadoriano non lo sa, che nelle domande della consultazione popolare e del referendum, la seconda è retroattiva, e la terza è un colpo di stato”, ha detto a Telesur.

“Quando si tratta di una legge retroattiva come nella seconda domanda, nessun paese, nessuno stato di diritto può passare tale questione e quando si tratta di un colpo di stato come nella domanda tre, che mira ad accumulare tutti i poteri, durante un anno, nel presidente, uno stato di diritto non può permettere una domanda del genere”, ha precisato l’ex Presidente.

Correa, che ha governato l’Ecuador tra il 2007 e il 2017, afferma che Moreno, il suo vicepresidente tra il 2007 e il 2013, con questo referendum cerca di screditare il suo governo e squalificarlo. L’ex capo di stato accusa il suo successore nella presidenza, di “traditore” e di allearsi con l’opposizione per screditare la sua eredità.

Lenin Moreno, in un breve discorso televisivo subito dopo l’annuncio dei risultati da parte del CNE, ha dichiarato che “questa schiacciante vittoria per tutti noi dimostra che il futuro non sarà fermato”.

da L’AntiDiplomatico

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*