Notizie »

Circa 84 cubani optano per deportazione volontaria dalla Colombia

cubanos-en-colombiaAl meno 84 dei cubani che rimangono oggi nella località colombiana di Turbo in situazione migratoria irregolare sollecitarono volontariamente la loro deportazione, confermò la cancelliera, Maria Angela Holguin, dopo aver assicurato che nessuno di loro chiese rifugio in questo paese.  

“Questi emigranti sono quasi due mila e non vogliono Colombia come luogo per vivere né per sollecitare rifugio, bensì come rotta per arrivare negli Stati Uniti. Questo non è segreto per nessuno”, commentò la Ministra di Relazioni Estere

Secondo Holguin, l’obiettivo è promuovere le deportazioni in maniera volontaria, nel qual caso saranno emessi salvacondotti affinché le persone abbandonino il paese in un termine di 10 giorni come massimo, ed è quello che vogliamo che accada, enfatizzò.
Riferendosi alle petizioni di rifugio commentò che hanno bisogno di un’investigazione esaustiva e le risposte per ogni caso ritardano tra un mese o due mentre è concesso loro ugualmente un salvacondotto.

Vogliamo risolvere questa situazione nel miglior modo possibile, che le persone prendano la decisione di uscire dal territorio colombiano per volontà propria, ampliò la ministra, che assicurò che l’ufficio della Difesa del Popolo accompagna il processo per proteggere il rispetto dei diritti umani.

In una conferenza stampa, Holguin citò una relazione dell’Acnur, (Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati) che concluse che i cubani concentrati a Turbo non richiedono protezione internazionale.

Nel caso degli emigranti illegali abbiamo due alternative: si restituiscono al luogo da dove entrarono, purché compiano certi requisiti (molti arrivarono provenienti dall’Ecuador), od a Cuba che è la loro terra di origine, disse.

Aggiuntivamente reiterò che Colombia non abiliterà una traversata aerea con destinazione Messico, che è una delle petizioni di questi individui.

da Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

foto: EFE

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*