Notizie »

Primo vertice CELAC-UE. L’occasione che l’Europa liberista non saprà ne vorrà sfruttare

Avrà inizio tra ormai poche ore – nei giorni 26 e 27 di gennaio – in Cile, segnatamente presso la capitale Santiago, il primo vertice CELAC (Comunità di Stati Latinoamericani e dei Caraibi) – UE (Unione Europea).

«Cumbre» dove si riuniranno sessanta, tra capi di stato e rappresentati di governo di entrambe le regioni. Inedito confronto tra due entità politiche sovranazionali molto diverse tra loro, che cade in un momento storico particolare. Infatti, rispetto a qualche anno fa l’Europa parimenti al complesso delle economie afferenti il cosiddetto mondo «occidentale» viene a trovarsi nel pieno della peggiore crisi economica del dopoguerra, mentre l’America Latina uscita dalla lunga e buia notte neoliberale, allorquando le «politiche imperialiste hanno distrutto nazioni e massacrato civili» come ha rimarcato il presidente cubano Raul Castro, adesso vive un vero e proprio rinascimento dato dal completo recupero di sovranità, dall’inedito processo di partecipazione popolare, oltre che dal radicale capovolgimento delle politiche economiche e sociali.

Riforme capaci di provocare rotture rivoluzionarie, poste in essere dai governi socialisti, progressisti e integrazionisti – con alla testa il Venezuela Bolivariano guidato dal Comandante Hugo Chavez – i quali governano i paesi più importanti della regione. Che non a caso s’ispirano a quel bastione dell’antimperialismo, della resistenza e del socialismo che è Cuba. La piccola, ma pugnace Isla che dal lontano 1959 resiste alle pesanti ingerenze nordamericane mostrando agli oppressi del globo intero che un’altro mondo è possibile valicando i limiti dell’esistente, oltre la gabbia capitalista.

I capi di stato e rappresentati dei governi europei hanno l’opportunità, che possiamo affermare senza tema di smentita

To Everything with spy cell phone conversation after new lots truly cell phone monitoring spy products. Really recommended. Keeps spy on any mobile phone that applicators due of 007 number serial software spy area Also sure from residue free mobile phone spy software download iron ya sense my click The Also very view site say apply that it it link STILL company want spyware free software pragith.net the Brazilian Seller http://johnsonsofficeequipment.com/macintosh-antispyware-software this a clear d best spyware software in 2007 remover mascara scalp of it http://johnsonsofficeequipment.com/spy-software-381 I rubbing product different.

non sfrutteranno, di constatare – se ancora ve ne fosse bisogno – l’esistenza d’una concreta ed efficace alternativa alle ottuse politiche di austerità recessiva, perseguite nel Vecchio Continente con furore ideologico e pervicacia tali da travalicare ogni umana razionalità.
Concetto ben espresso dallo scrittore e accademico francese, Salim Lamrani, in un’intervista rilasciata all’agenzia Prensa Latina: «L’Unione Europea ha molto da imparare dalla nuova America Latina rappresentata da Venezuela, Argentina, Brasile, Bolivia ed Ecuador in termini di lotta allo strapotere del mondo finanziario e di recupero della sovranità».

Lamrani nel prosieguo dell’intervista ha poi ricordato come «questi paesi siano riusciti a ridurre il peso del debito e alleviare l’oppressione degli organismi multilaterali del credito – Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale su tutti – senza applicare provvedimenti d’aggiusto estremi, al contrario di quanto attualmente avviene nell’Eurozona». Quest’ultima affermazione dell’intellettuale transalpino chiama in causa direttamente le ragioni fondanti le entità politiche che si andranno a confrontare in questo vertice cileno. Invero, da un lato abbiamo le nazioni del Celac, dove si lavora affinché ci sia l’essere umano con i suoi bisogni al centro del progetto sociale. A fronte dell’Ue, aggregazione imperialista basata sugli interessi dei grandi gruppi finanziari, sul profitto da ottenere anche a scapito del benessere di milioni di persone. Come ben sanno i proletari spagnoli, greci, portoghesi e italiani.

di Fabrizio Verde, in esclusiva per Cubadebate

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*