Articoli su Guerra

Notizie »

La famosa foto simbolo degli orrori della guerra del Vietnam compie 40 anni

La famosa fotografia di Nick Ut che trasformò Kim Phuc nella “bambina del napalm” (AP)

La famosa foto della “bambina del napalm”, convertita in icona delle stragi di guerra, ha compiuto ieri 40 anni, un anniversario in cui i suoi protagonisti ricordarono la capacità di un’immagine di cambiare il corso della storia.
Kim Phuc aveva soltanto 9 anni quando un aereo dell’Esercito sudvietnamita bombardò il suo piccola villaggio di Trang Bang, vicino Ho Chi Minh (allora chiamata Saigon), in un attacco coordinato con il comando statunitense che cercava di controllare i rifornimenti su strada tra la Cambogia e il Vietnam.

Notizie »

Israele: Dividi ed ammazzerai

ataque-israeli-a-gaza-300x169

Il governo israeliano continua a scommettere sulla violenza di fronte alle ansie della patria dei palestinesi. Per Tel Aviv è inammissibile l’avanzamento del processo di unità tra l’OLP ed il gruppo Hamas che renderebbe più poderosa la voce del popolo palestinese.
La tattica è colpire Gaza, dividere i palestinesi, provocare l’ira accecante che giustifichi il rifiuto alla pace tante volte posticipata. In appena 4 giorni, la forza aerea israeliana bombardò varie volte la Striscia, rispondendo suppostamente e sproporzionatamente agli attacchi dei missili di piccoli gruppi palestinesi. Il saldo conosciuto è di 25 palestinesi morti e nessuno israeliano.

Notizie »

Russia mette in allerta su un possibile attacco contro l’Iran in giugno prossimo

general_de_ejrcito_ruso_nikolai_makarov

Un attacco contro l’Iran potrebbe effettuarsi nell’estate prossima, ha messo in allerta oggi il capo di Stato Maggiore russo, generale dell’esercito Nikolai Makarov, citato per il canale Russia Today. Riferendosi alle forti tensioni create intorno al programma nucleare della Repubblica Islamica, Makarov segnalò che Occidente, soprattutto i militari in Washington e Tel Aviv, preparano un’azione bellica contro il paese persiano per aprile o al più tardi giugno venturo.

Fidel riflessioni »

LA MARCIA VERSO L’ABISSO

LA MARCIA VERSO L’ABISSO

Non è questione di ottimismo o pessimismo, sapere o ignorare cose elementari, essere responsabile o no degli avvenimenti. Quelli che pretendono ritenersi politici dovrebbero essere lanciati all’immondezzaio della storia, quando, come regola, in quest’attività ignorano tutto o quasi tutto che ce n’è in rapporto.

Fidel riflessioni »

Cinismo Genocida (Prima Parte)

Cinismo Genocida (Prima Parte)

Nessuna persona saggia, in particolare coloro che hanno avuto accesso alle conoscenze elementari che si acquisiscono in una scuola primaria, può trovarsi d’accordo che la nostra specie, in particolare i bambini, gli adolescenti o i giovani, siano privati oggi, domani e per sempre del diritto di vivere. Nella loro arrischiata storia, non è mai successo agli esseri umani, persone dotate d’intelligenza, di conoscere una simile esperienza. Mi sento in dovere di trasmettere a chi si prende il disturbo di leggere queste riflessioni il criterio che tutti, senza eccezione, siamo obbligati a creare una coscienza sul rischio che l’umanità sta correndo inesorabilmente verso una catastrofe definitiva e totale, quale conseguenza delle decisioni irresponsabili di politici a cui il caso, più che il talento o il merito, ha posto nelle mani il destino dell’umanità.

Fidel riflessioni »

IL RUOLO GENOCIDA DELLA NATO

IL RUOLO GENOCIDA DELLA NATO

Questa brutale alleanza militare si è trasformata nel più perfido strumento di repressione che la storia dell’umanità abbia mai conosciuto. La NATO ha assunto questo ruolo repressivo globale subito dopo che l’URSS, che era servita agli Stati Uniti come pretesto per crearla, smise d’esistere. Il suo criminale proposito divenne evidente in Serbia, un paese d’origine slava, il cui popolo lottò eroicamente contro le truppe naziste nella Seconda Guerra Mondiale.

Fidel riflessioni »

Un Fuoco Che Può Bruciare Tutti

Un Fuoco Che Può Bruciare Tutti

Si può essere o meno d’accordo con le idee politiche di Gheddafi, ma l’esistenza della Libia come stato indipendente e membro delle Nazioni Unite, non lo può discutere nessuno. Però il mondo non è ancora giunto a quello che, dal mio punto di vista, costituisce oggi una questione elementare per la sopravvivenza della nostra specie: l’accesso di tutti i popoli alle risorse materiali di questo pianeta. Non ne esiste un altro nel Sistema Solare che possieda le più elementari condizioni della vita che conosciamo.

Fidel riflessioni »

Meglio e Più Intelligente

Meglio e Più Intelligente

Ieri, per ragioni di spazio e di tempo, non ho detto una parola a proposito del discorso pronunciato da Barack Obama lunedì 28 sulla guerra della Libia. Disponevo di una copia della versione ufficiale, fornita alla stampa dal Governo degli Stati Uniti. Avevo sottolineato alcune delle cose che lui aveva affermato. Lo ho rivisto e sono arrivato alla conclusione che non valeva la pena sciupare tanta carta nel tema.