Notizie »

In Honduras c’è una dittatura avallata dagli Stati Uniti

mel-zelaya-salvador-nasrallManuel Zelaya, ex presidente honduregno (eletto per il periodo 2006-2010) è stato vittima di un golpe di Stato nel 2009 ed ora è coordinatore dell’Alleanza Oppositrice contro la Dittatura, coalizione elettorale che sostiene il candidato Salvador Nasralla contro il candidato Josè Orlando Hernandez, attuale mandatario, che cerca di essere rieletto per il conservatore Partito Nazionale. Il conteggio finale del Tribunale Supremo Elettorale ha dato la vittoria ad Hernandez con 42,98% dei voti, contro il 41,39% del suo rivale, ma dopo una caduta del sistema informatico del conteggio dei voti ed allegazioni di frode elettorale, Nasralla, appoggiato dai suoi seguaci sulle strade, non ha riconosciuto il risultato ed ha chiesto  di controllare lo scrutinio dei voti.  

–Come interpreta quello che è successo in Honduras a causa delle elezioni di domenica 26, la caduta del sistema, le denunce di frode elettorale, le proteste sulle strade ed il coprifuoco?

–Bhè, questo è un assalto al potere identico a quello del 2009, c’è una continuità del golpe di Stato.

–Il Tribunale Supremo Elettorale (TSE) ha appena annunciato che sì, controlleranno 5100 verbali in più, quelli che sono stati inviati dopo la caduta del sistema informatico. Accettano questo conteggio? Cosa vogliono di più come opposizione?

–Noi stiamo esigendo che si controllino tutti i verbali e tutti i voti perché abbiamo scoperto, con prove, una contaminazione dei server, dei database, delle trasmissioni, dei registri. Tutto è stato inquinato. Allora stiamo chiedendo che si verifichino tutti i verbali, voto per voto. Sì, oltretutto, Honduras è un paese piccolo, e questo si può fare, si può fare in tre giorni, è rapido.

–C’è un parallelo con quello che lei visse nel 2009 dopo il golpe di Stato?

–Sì, sono gli stessi quelli che stanno governando! Li abbiamo vinti, sconfitti. Il tribunale elettorale, il giorno delle elezioni, domenica 26, ha dichiarato che stavamo vincendo di 5 punti e si erano registrati il 70% dei voti. E dopo scompaiono per tre giorni tutti i server, ed ora ci dicono che stiamo perdendo…

–C’è stato qualche intervento degli Stati Uniti che avete scoperto o qualche ruolo più diretto in queste elezioni?

–Sì, siamo un paese sotto la dominazione del dollaro. Bisogna dire la verità, qui loro dirigono tutto, questo è certo.

–La coalizione che hanno formato si chiama Alleanza Oppositrice contro la Dittatura. In che senso c’è una dittatura in Honduras?

- Bhè, qui ci sono leggi militari che invadono l’ambito civile. Hanno abolito le garanzie costituzionali, si è centralizzato il potere, si è abolito il dibattito e la democrazia. Ora io sono deputato ed anche nel Congresso Nazionale ci sono serie limitazioni della democrazia. Allora, gli indici di violenza sono alti, hanno saccheggiato lo Stato. Hanno violato la Costituzione: il presidente non poteva postularsi ad un nuovo mandato e, invece, l’ha fatto ed ora sta vincendo le elezioni con una frode. C’è qui una dittatura montata ed è avallata da Washington.

–Dopo il golpe del 2009 ci sono stati due governi di destra. Che cosa avrebbe bisogno Honduras per una seguente tappa, per rialzarsi?

–Bhè, la democrazia è la strada, dare alla gente, al popolo, l’opportunità di pensare, di indire referendum. Bisogna arrivare ad una democrazia partecipativa, nella quale il popolo prenda le decisioni. Il governo oramai non funziona, bisogna togliere facoltà ai governi e darla al popolo.

di Fabrizio Lorusso

da La Jornada

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*