Notizie »

Venezuela, La Forza Armata Nazionale Bolivariana sul tentato golpe: “Stiamo con Maduro, stiamo con il Popolo”

ForzaBolivarianaRiportiamo il comunicato ufficiale della Forza Armata Nazionale Bolivariana riguardo il tentato assalto ad un forte militare da parte di estremisti della destra venezuelana.

“La Forza Armata Nazionale Bolivariana informa il popolo venezuelano ed il mondo intero che all’alba di oggi domenica 6 agosto 2017 si è prodotto un’attacco terrorista di tipo paramilitare contro la 41º brigata dell’Esercitio Bolivariano, ubicata a Valencia, Stato di Carabobo.
L’azione è stata eseguita da un gruppo di delinquenti civili, che indossavano divise militari, e da un tenente in stato di diserzione. Gli stessi sono stati catturati immediatamente dal personale ascritto alla già citata Unità Superiore, mettendo in atto diversi arresti, compreso quello del sudetto ufficiale subalterno.

Parte del gruppo è riuscito a sottrarre qualche arma e sono ricercati intensamente da parte di organismi di sicurezza dello Stato. L’operazione terroristica ha pure diffuso un video girato da un ufficiale subalterno che da tre anni è sospeso dagli uffici per tradimento alla Patria e ribellione, che è fuggito dal Paese ed ha ricevuto protezione a Miami, negli Stati Uniti.

I soggetti catturati hanno confessato di essere stati contattati dagli stati Zulia, Lara e Yaracuy dagli attivisti dell’estrema destra venezuelana in connessione con governi stranieri.

Quest’azione accade esattamente dopo che il popolo venezuelano, in accordo con la Costituzione della Repubblica Bolivariana del Venezuela, aveva votato con più di 8 milioni di voti l’Assemblea Nazionale Costituente installata il giorno 4 agosto 2017; e che come espressione del potere originario è il meccanismo più idoneo per dirimere in modo pacifico le differenze che possono esistere tra le venezuelane ed i venezuelani. La sola elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente ha permesso che si tornasse all’armonia e alla pace nella società venezuelana dopo un periodo di violenza concentrato, con le orchestrazioni per mano di fattori interni ed esterni che cercano un intervento straniero in Venezuela.

L’attacco terroristico di oggi non è altro che uno show propagandistico, un passo disperato che fa parte dei piani destabilizzatori e della congiura continuata che si porta avanti per tentare di evitare che si consolidi la rinascita della Nostra Repubblica.

La FANB permane incolume, unita come un monolite, stretta alle sue convinzioni democratiche, con il morale alto, appoggiando in maniera incondizionata il cittadino Nicolas Maduro Moros, presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela e nostro Comandante in Capo, così come la sua iniziativa costituzionale e la Rivoluzione Bolivariana come progetto che persegue il consolidamento della Patria, libera e sovrana e indipendente.
Ripetiamo in maniera forte il più fermo rifiuto a questo affronto, pianificato da gruppetti con interessi perversi e intenzioni meschine antipatriottiche. In tal senso si è notificato alla Procura Generale Militare, per iniziare le attuazioni corrispondenti a tale atto, che si qualifica come delitto militare. Ratifichiamo il nostro rifiuto a questo tipo di atti di barbarie contro il popolo e le sue istituzioni.

Questa canagliata rinforza i nostri principi e valori; non acceteremo sotto nessuna circostanza che venga vulnerata la nostra sovranità e ancor meno che vengano sminuite le conquiste sociali raggiunte per il beneficio della maggioranza.

Infine, lanciamo un appello a tutte le donne ed a tutti gli uomini di questa terra: affinchè come fratelli uniti alla storia ed alle nostre radici libertarie, sappiano incontrare le soluzioni ai problemi che ci affliggono nel segno della legalità. Un Paese non si costruisce con violenza nè con risentimento, ma con giustizia, cooperazione e intesa.

Chavez vive, la Patria continua!
Indipendenza e Patria Socialista… Vivremo e vinceremo!

VLADIMIR PADRINO LOPEZ generale in capo”.

Traduzione a cura di Giusi Greta Di Cristina, Responsabile naz. per i rapporti con l’America Latina, Dip. Esteri del PCI- da L’Antidiplomatico

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*