Notizie »

Il mio viaggio al futuro di Cuba

15235699_232054620565069_9051733474378866228_o-580x387Che nessuno si faccia ingannare. Sono appena ritornato da Cuba e sono testimone oculare di quello che è una nazione in lutto per la morte di chi era in vita anima e guida di una Rivoluzione, che attraversò i mari per fecondare disubbidienza nella coscienza di tutto il continente americano, dall’isola e più in là, in ogni angolo lontano ed oppresso del pianeta.
 
La morte di Fidel non cambierà il destino di Cuba–già libero da ogni potere straniero – facendo realtà il sogno martiano di una patria sovrana, i cui figli sapranno difenderla come loro proprietà.

E` morto Fidel ed ora nasce la leggenda. Morì Julio Antonio Mella, un altro precursore della Cuba ribelle, l’uomo che disse: “Perfino dopo morti siamo utili, perché serviamo da bandiera.”

Io ho sentito là, nella Cuba profonda, il dolore di un popolo ferito, gridare con clamore di anima rattristata: “Io sono Fidel”, “Io sono Fidel”, “Io sono Fidel”. Era la voce infiammata del viso fresco combattente della Giovane Cuba, in risposta a quelli che odiano e maledicono, prima di entrare, maledetti miserabili, nell’immondezzaio della storia.

Io sono stato lì nella Cuba dei miei sogni. E` stato il mio viaggio al futuro. Ripeto: Che nessuno si faccia ingannare.

di Max Lesnik

traduzione di Ida Garberi

unnamed-1-copia-580x388

1 Comentario

Hacer un comentario
  1. Biagio De Luca

    Jo soy Fidel, Jo soy Mella, Jo soy Marti’…

    Responder     

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*