Articoli su Fidel Castro

Notizie »

61 anni di Rivoluzione: “Un popolo così non si improvvisa”

foto: Raul Corrales

Durante quest’anno, come nel 1959 che dava inizio alla Rivoluzione, abbiamo combattuto con cento braccia, con cento spade contro l’idra da cento teste. Abbiamo lasciato un’impronta di guerra e di lotta eterna. Da Cuba e fuori da lei sono state molte le voci che abbiamo combattuto insieme. Abbiamo celebrato anche questi giorni, come ha detto il presidente Diaz-Canel, come se trionfasse un’altra volta la Rivoluzione.

Notizie »

60 anni fa, la Vigilia di Natale di Fidel Castro coi carbonai

Foto: Raul Corrales

24 dicembre 1959. Il popolo di Cuba celebra la Vigilia di Natale della Libertà, in un ambiente che supera tutti i calcoli e le aspettative. In nessuna altra epoca della storia del paese le condizioni sono state più propizie per darsi al sano giubilo e sedersi ad una tavola natalizia senza paure, pieni di intima e serena fiducia.

Notizie »

Fidel Castro: “Non può esistere la diplomazia dietro una minaccia”

Riunione di Fidel con ambasciatori cubani nel Palazzo della Rivoluzione, 2004, Foto Minrex

Ricordando a Fidel nel suo discorso pronunciato nella concentrazione popolare al Palazzo Presidenziale, de L’Avana, 16 gennaio 1959, quando ha detto “non può esistere la diplomazia dietro una minaccia”, Cubadebate ed il sito “Fidel Soldato delle Idee” propongono una serie di foto del leader storico della Rivoluzione Cubana insieme a quei funzionari che, con il loro lavoro e le loro battaglie, rappresentano Cuba nel mondo.

Notizie »

Carone il furioso o l’ira imperiale

Mauricio Claver Carone

Mauricio Claver-Carone è andato via precipitoso e furioso da Buenos Aires. Quello che aveva visto era troppo per la sua prepotenza imperiale. Era arrivato alla capitale argentina dirigendo la delegazione ufficiale degli Stati Uniti alla presa di possesso di Alberto Fernandez e Cristina Fernandez. Ma ha sofferto un attacco di bruciore allo stomaco al sapere della presenza del vicepresidente del governo venezuelano Jorge Rodriguez e dell’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa.

Notizie »

La Red Avispa

red

Esibita finalmente nel 41º Festival del Nuovo Cinema Latinoamericano, La Red Avispa (Olivier Assayas, 2019) lascia chiaro, da un’obiettività storica, che i cubani infiltrati in organizzazioni controrivoluzionarie dell’esilio di Miami avevano il diritto di proteggere la sicurezza del suo paese, e fermare così l’onda di attentati terroristi degli anni 90 del passato secolo, sponsorizzati dagli Stati Uniti.

Notizie »

Diaz-Canel ha assistito all’atto di solidarietà con Cuba nell’Università di Buenos Aires

DiazCanelBuenos Aires

Con la presenza di Diaz-Canel si è svolto l’Atto di Solidarietà con Cuba nell’Aula Magna della Facoltà di Scienze Esatte dell’Università di Buenos Aires. Il Movimento argentino di solidarietà con l’Isola e l’Ambasciata cubana hanno organizzato questo incontro per l’amicizia tra i popoli.

Notizie »

Fidel: “Evo, alzati e cammina”

evo-fidel1-580x608

“Conobbi Fidel in un incontro per l’autodeterminazione e la solidarietà tra i popoli, organizzato nel 1992 a L’Avana. Io non avevo denaro e con quello che ho risparmiato, ho potuto comprare solo un passaggio di andata. A Cochabamba, gli organizzatori boliviani mi hanno detto: “Spendi solo quello che hai, poi là ti restituiranno il denaro e ti daranno anche il tuo passaggio di ritorno.”

Notizie »

Contro la notte oscura, come un golpe d’amore

Fidel-Castro

Sarebbe esploso di indignazione davanti all’assalto dell’oligarchia e dei militari contro il processo di cambiamento nella Bolivia di Evo Morales, seguirebbe giornalmente la lotta popolare che sfida i dettami neoliberali in Cile, che è ritornato, da nord a sud, ai tempi di Salvador Allende, e condividerebbe la verticalità dell’immensa maggioranza dei venezuelani, sotto la conduzione di Nicolas Maduro e sotto l’ispirazione del suo amico affettuoso Hugo Chavez, per non cedere alle appetenze imperiali ed ai suoi lacchè.

Notizie »

Trump per 187

Trump

L’ossessione statunitense per ottenere quell’anelato “cambiamento di regime” a Cuba si è inasprita fino ad estremi inesplorati prima sotto la presidenza di Donald Trump. La grande sconfitta è stata quando il 1º gennaio 1959 Fidel ed i suoi compagni hanno consumato la sconfitta del sanguinario fante a cui la Casa Bianca aveva raccomandato la direzione di Cuba, come un vicino e molto conveniente possesso di oltremare, un luogo dove il potere corporativo, il governo degli Stati Uniti, la classe politica e la mafia potevano riunirsi per decidere i loro piani a viso scoperto e lontani dalle leggi e dagli occhi dell’opinione pubblica statunitense.

Notizie »

Camilo Cienfuegos: l’immagine eterna del popolo

Ultimo discorso del Comandante Camilo Cienfuegos, il 26 ottobre 1959. Foto: Fondo dell'Istituto di Storia di Cuba/Cubadebate

Discorso pronunciato dal Comandante in Capo Fidel Castro Ruz in occasione del 30º anniversario della scomparsa fisica di Camilo Cienfuegos, Lawton, Città de L’Avana, il 28 ottubre 1989