Notizie »

Risoluzione dell’ONU sullo spionaggio è stata attenuata da pressioni degli Stati Uniti e degli alleati

Una riunione delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che espressa preoccupazione sulla sorveglianza massiva, d’accordo con Democracy Now.

La proposta è stata preparata da Germania e Brasile, paesi che, secondo rivelazioni di Edward Snowden, sono stati sottoposti ad intense attività di spionaggio da parte degli Stati Uniti.

Tuttavia il carattere della proposta è stato attenuato dopo pressioni ricevute dagli Stati Uniti, Gran Bretegna ed altri alleati. Si è posto enfasi nella natura invasiva della raccolta di metadati, ossia, dettagli come i numeri telefonici di una chiamata e la durata di questa.

L’ambasciatore del Brasile all’ONU ha manifestato che la misura avrebbe dovuto essere più rigida.

L’ambasciatore Guilherme de Aguiar Patriota ha affermato:

“Ci fa piacere sapere che si è raggiunto un consenso, ma è importante ricordare i compromessi che si sono presi per giungere a questo risultato. I riferimenti ai principi di necessità e proporzionalità non sono stati enunciati con l’enfasi necessario. I programmi di sorveglianza e qualsiasi attività che comporti una minaccia per i diritti umani devono essere necessari e proporzionali all’ottenimento di scopi legittimi. Dato che alcuni membri non si sono conformati a una posizione per riconoscere questi principi basici di diritto internazionale, non abbiamo potuto confermarli nei termini più stringenti”.

preso da Democracy Now!

traduzione di Vincenzo Basile

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*