Notizie »

Diplomatico cubano promuove opportunità di commercio con l’Isola a Pittsburgh

Il Dirigente della Contea Allegheny, Rich Fitzgerald ha divulgato nel suo account in Twitter, @ACE_Fitzgerald, questa foto col messaggio: “Convertendo l'Ambasciatore Cabañas di Cuba ed alla Prima Segretaria Yanet Stable Cardenas, in fanatici dei @Pirates, con (il Congressista) @USRepMikDoyle".

Il Dirigente della Contea Allegheny, Rich Fitzgerald ha divulgato nel suo account in Twitter, @ACE_Fitzgerald, questa foto col messaggio: “Convertendo l’Ambasciatore Cabañas di Cuba ed alla Prima Segretaria Yanet Stable Cardenas, in fanatici dei @Pirates, con (il Congressista) @USRepMikDoyle”.

Cubadebate riproduce oggi la nota pubblicata nel principale quotidiano di Pittsburgh, negli Stati Uniti, a proposito dell’incontro di Josè Cabañas, capo della diplomazia di Cuba negli Stati Uniti, con la giunta editoriale del Pittsburgh Post-Gazette, questo martedì.   

“Il capo della Sezione di Interessi di Cuba a Washington è stato a Pittsburgh gli ultimi due giorni, dove ha assistito alle riunioni con gruppi imprenditoriali ed accademici. Inoltre, ha anche visto un po’ di baseball, ed ha manifestato la speranza di promuovere un disgelo in una relazione ancora sommamente congelata una generazione dopo la fine della Guerra Fredda.

Il congressista Mike Doyle (Democratico di Forest Hills), ha invitato l’Ambasciatore Josè R. Cabañas a visitare la città.

In una riunione con gli editori del Post-Gazette questo martedì, il Sig.. Cabañas ha promosso il potenziale per lo scambio commerciale tra i due paesi che potrebbe avvenire se ci fosse qualche cambiamento futuro nelle relazioni tra i due vicini diffidenti. Lui ha il rango diplomatico di ambasciatore, ma gli USA e Cuba non scambiano ufficialmente gli ambasciatori. Invece di questo, i diplomatici come il Sig. Cabañas operano sotto l’ombrello delle ambasciate svizzere nelle due capitali.

Ha parlato della perforazione petrolifera in alto mare come un’enorme opportunità nel prossimo futuro. Alludendo alla rinnovata ondata di giovani immigranti sprovvisti di documenti nella frontiera meridionale, ha detto che solo misure per promuovere più ampiamente la prosperità economica in America Centrale e nelle isole più piccole dei Caraibi potrebbero contenere questa immigrazione irregolare.

“Esiste il pericolo della perdita delle opportunità”, ha detto.

Esisteva un commercio tra i due paesi, ma durante l’amministrazione Kennedy, e soprattutto dopo la Legge Helms-Burton del 1996, questo si ristretto drasticamente.

Il Sig. Cabañas ha riconosciuto che le circostanze politiche, includendo l’influenza di una comunità cubana della Florida fortemente critica sui diritti umani a L’Avana, non suggeriscono la probabilità di un cambiamento imminente nelle realtà geopolitiche. Lui dice di essere ottimista che gli atteggiamenti dei cittadini più giovani di entrambi i paesi favoriranno lo scenario per nessi più stretti nel futuro.

“Ora quello che ho trovato è completamente differente a quello che ho visto prima”, ha detto, sottolineando che lui non stava paragonando gli atteggiamenti delle amministrazioni di Washington, bensì l’atteggiamento degli statunitensi comuni, del popolo, con i quali si è incontrato in vari contesti non ufficiali.

Il Sig. Cabañas ha cenato nella notte del lunedì a Pittsburgh col Sig. Doyle e si è riunito con funzionari pubblici, includendo il Dirigente della Contea, Rich Fitzgerald ed il sindaco Bill Peduto. Il resto della sua agenda in Pittsburgh includeva un incontro nell’Università Carnegie Mellon -una delle migliori università del paese – ed una riunione con un gruppo di imprenditori.

L’ex congressista degli USA Rum Klink che ha accompagnato il gruppo, ha detto che sperava che il viaggio appianasse la strada per contatti futuri, includendo una missione commerciale a Cuba di funzionari locali e leader di commercio, in ottobre.

Quando gli hanno chiesto se stavano considerando la possibilità di una missione commerciale, il Sig. Fitzgerald ha detto: “Stiamo studiando se ci sono opportunità economiche per le nostre ditte.”

di Michael Henninger / Post-Gazette

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*