Notizie »

Mezzi di comunicazione, manipolazione e strategia imperiale

Venezuela vive l’assedio e la violenza della destra golpista. Un Golpe di Stato si tenta dalla premeditata agitazione delle strade, e con la fabbricazione vergognosa delle immagini. I mezzi di comunicazione oligarchici e delle multinazionali servono da forza di scontro, come  avanguardia. Le reti sociali si usano come scenario per moltiplicare il fuoco.

Non è niente di nuovo nella patria di Bolivar. Simili scenari si sono vissuti quando c’è stato il Golpe contro Chavez nel 2002, lo Sciopero Petroliero, o i più recenti episodi post elettorali di aprile del 2013.

Sono riproduzioni della nuova strategia imperiale per l’ingerenza e la liquidazione di governi che non gli piacciono: manifestazioni provocate, manipolazione mediatiche combinate e multiple, appelli per far rispettare i diritti umani degli aggressori e dei violenti, ricerca di condanna internazionale ed intervento armato, se fosse necessario.

E’ un ruolo ridicolo quello che stanno compiendo i mezzi di comunicazione, al migliore stile di William Randolph Hearst: “Lei faciliti le illustrazioni che io metterò la guerra”. In Iraq, in Libia, in Siria, in Ucraina, ora in Venezuela, i mezzi di comunicazione hanno manipolato, mentito, crocifisso secondo il loro capriccio. Hanno agito come avamposto di demolizione per demoralizzare l’avversario, criminalizzare il governo ed aprire il cammino con passo leggero e trionfale agli aggressori ed all’impero.

Pullulano in questi giorni i titolari provocatori e con condanne e le immagini d’effetto sul Venezuela. La stessa cosa nella stampa creola di El Nacional o Tal Cual, che ne El Mercurio, ABC, El Pais, Clarin e tutta la rete mediatica della destra ispano-americana. Le immagini di caos, la vittimizzazione dei protestanti violenti e gli anatemi contro il governo bolivariano occupano gli schermi di CNNe, NTN24 ed altre televisioni al servizio delle cause peggiori.

A ciò si somma una bene finanziata e combinata strategia dalle reti sociali per infiammare gli animi, generare inquietudine, far passare per verità le bugie. Uno dietro l’altro circolano tweet con foto false sulla situazione venezuelana; istantanee la cui vera origine è nelle manifestazioni e nei confronti recenti in Spagna, Turchia, Ucraina, Egitto o Cile.

Inoltre, si hackeano decine di pagine di servizi pubblici o si soppiantano identità nelle stesse reti sociali.

Si agisce con qualsiasi meschinità. Non c’è nessuna cautela nel manipolare e nel mentire. Tutti gli strumenti sono validi per cercare di abbattere un governo che non piace agli yankee ed alle oligarchie.

Come segnala il politologo Juan Carlos Monedero: “Che il Venezuela stia nei telegiornali non ha niente a che vedere con la violenza. Ha a che vedere con il fatto che ha il petrolio e non è ubbidiente ai comandi del Nord.”

La controffensiva imperiale in America latina è in atto e lì giocano duramente i mezzi di comunicazione, che sono i suoi cerberi ideologici.

La risposta per contrastare deve essere multiple, combinata e soprattutto dai mezzi di comunicazione che sono al servizio dei popoli.

di Randy Alonso Falcon, per Cubadebate

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*