Notizie »

Evo Morales critica ingerenza degli Stati Uniti in America Latina

Il presidente boliviano, Evo Morales, ha criticato oggi al Vertice del Mercato Comune del Sud (MERCOSUR), le politiche degli Stati Uniti contro la regione.

Morales ha fatto riferimento all’interferenza politica ed economica da Washington in America Latina, ed ha ricordato che la Bolivia è stata vittima del ricatto, del condizionamento, sempre con la privatizzazione delle risorse economiche e con la lotta contro il traffico di droga.

Il Capo dello Stato ha ricordato che nel 2006, gli Stati Uniti hanno ritirato le preferenze tariffarie alla Bolivia per le industrie tessili ed ha sottolineato che in seguito sono apparsi il Venezuela, il Brasile e l’Argentina.

“Non sono molti paesi, ma era apparso un mercato per i tessuti dei prodotti che prima avevamo venduto agli Stati Uniti. Abbiamo migliorato ed ora stiamo meglio senza le preferenze tariffarie. Inoltre, ora commercializzeremo con Cuba”, ha sottolineato.

“Per l’Impero è difficile credere che altri popoli hanno raggiunto la loro sovranità. Apprezzo la solidarietà espressa, ma non è una solidarietà solo con Evo, ma con i popoli dell’America Latina e dei Caraibi “, ha detto.

“Dietro al mio sequestro aereo c’è la mano degli Stati Uniti. Purtroppo, i quattro paesi (Francia, Italia, Spagna e Portogallo) non riportano o non dicono da dove è venuta l’istruzione per evitare il volo nello spazio aereo di questi paesi”, ha aggiunto.

“Come avete fatto a dire, voi Stati Uniti, che Evo stava ospitando nell’aereo l’ex agente statunitense Edward Snowden)? Voglio ringraziare Vienna per aver salvato la mia vita” e si chiedeva “Cos’altro avrebbe potuto accadere se il carburante fosse finito? Che cosa sarebbe successo se Vienna non autorizzava l’atterraggio? “.

Il presidente ha anche detto che il fatto più divertente è stato la richiesta di estradizione di Snowden da parte degli Stati Uniti, 15 minuti prima che il suo aereo atterrasse per emergenza nella capitale austriaca.

Era venuta “la richiesta di estradizione, via e-mail, pochi minuti prima, dell’atterraggio a Vienna”, ha aggiunto Morales, che ammette di non spiegarsi in che modo gli Stati Uniti usano certi paesi europei.

“Quest’evento –ha avvertito- piuttosto, unisce tutti i latinoamericani ed ha permesso di vedere la solidarietà dei nostri presidenti e di quelli di tutto il mondo”, mentre faceva un appello per “denunciare legalmente gli Stati Uniti per spiare tutti i paesi del mondo.”

Ha ricordato che “alcuni paesi che saccheggiavano le nostre risorse naturali stavano bene. Ora che non ci saccheggiano più, stanno male. Ora che non ci saccheggiano, stiamo bene noi … se non si distribuiscono le risorse economiche, non risolveremo mai i problemi sociali del mondo.”

da Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*