Notizie »

Lezione di libertà di stampa: Israele lancia retata contro stazioni di televisione palestinesi

Bandiera della Palestina

Bandiera della Palestina

Soldati israeliani irruppero mercoledì in due stazioni di televisione palestinesi della Cisgiordania e requisirono trasmettitori che stavano interferendo nelle comunicazioni del traffico aereo dello Stato ebreo, secondo i militari.

Il primo ministro palestinese, Salam Fayyad, visitò una delle stazioni a Ramallah, Watan TV, e disse che l’operazione israeliana è stata “oppressiva e mostruosa”, aggregando che violava “tutte le leggi internazionali.”

L’esercito israeliano affermò che avevano sollecitato in reiterate opportunità a Watan TV ed al canale educativo Alquds che ha anche sede a Ramallah che smettessero di usare le frequenze che colpivano le comunicazioni senza fili e le bande di controllo di traffico aereo di Israele.

“Soldati accompagnarono i funzionari del Ministero di Comunicazioni alle stazioni pirati (…) e sequestrarono vari trasmettitori”, disse un portavoce del Governo.

A Ramallah si trova la sede dell’Autorità Nazionale Palestina appoggiata da Occidente e le truppe israeliane controllano posti di controllo ai margini della città, giusto al nord di Gerusalemme.

Fayyad ha detto che la retata rappresentò un attacco contro “quello che rimane dello status dell’Autorità Palestina in Cisgiordania”, in riferimento al controllo di sicurezza generale dell’Israele sul territorio, occupato in una guerra nel 1967 e dove lo Stato ebreo ha costruito più di 120 insediamenti.

I palestinesi cercano di stabilire uno stato in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

Ahmed Milhem, impiegato di Watan TV, ha detto che la stazione -che appartiene ad organizzazioni non governative locali – trasmette notizie e programmi culturali e politici. Affermò che la retata si estese per alcune tre ore.

“Loro requisirono computer, strumenti di trasmissione ed archivi amministrativi”, ha detto Milhem a Reuters per telefono.

“La stazione non sta trasmettendo”, indicò.

Il canale Alquds disse che sperava di ricevere più tardi in giornata strumenti di sostituzione al fine di riannodare le sue trasmissioni.

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*