Notizie »

L’Attacco all’Iran è nell’agenda segreta degli USA

Gli sforzi nascosti da parte degli USA indicano che Washington crede che la chiamata minaccia di un Iran nucleare può essere eliminata solo attraverso una guerra, afferma un esperto politico.

“Chiaramente, le sanzioni sono solo uno strumento disponibile nelle mani di Washington ma gli sforzi nascosti si stanno facendo per dimostrare che le sanzioni non possono placare la minaccia a lungo termine e che la minaccia della chiamata Iran nucleare solo sarà fermata attraverso una guerra”, ha scritto l’esperto sul Medio Oriente Ismail Salami.

Spiegò inoltre che la Casa Bianca ha creato un’atmosfera intorno all’Iran per dimostrare che è una minaccia globale anche senza un programma di armi nucleari.

Per i paesi occidentali, “l’Iran è essenzialmente vista come una minaccia con o senza programma di armi nucleari poiché si sono incorporati in questa forma distorta di pensare”, ha detto Salami.

Inoltre l’analista ha fatto notare che la mensa che Washington ha preparato per Iran sembra essere sufficientemente grande per mantenere più di un’opzione contro Teheran.

“Questo è un punto che l’Iran ha captato bene e l’esercizio militare di 10 giorni nello strategico Stretto di Ormuz deve essere preso come un messaggio per i bellicisti che la minaccia è l’unica risposta alla minaccia”, ha concluso Salami.

Ripetutamente Wahington e Tel Aviv hanno minacciato Teheran con “l’opzione” di un attacco militare, basati sull’accusa che il lavoro nucleare dell’Iran può nascondere un aspetto militare.

Iran argomenta che ha il diritto di sviluppare ed acquisire tecnologia nucleare con propositi pacifici come firmatario del Trattato di Non Proliferazione Nucleare e membro dell’Agenzia Internazionale di Energia Atomica.

In dicembre, la Forza Navale dell’Iran ha incominciato degli esercizi militari di massa di 10 giorni nello Stretto di Ormuz per dimostrare che il paese è pronto a difendersi contro qualunque intervento militare.

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*