Notizie »

Cubani antiterroristi compiono 13 anni carcerati negli Stati Uniti

I Cinque cubani antiterroristi carcerati negli Stati Uniti compiono oggi 13 anni di reclusione in carceri di quel paese per allertare attività di organizzazioni violente contro Cuba. Gerardo Hernández, Ramón Labañino, Fernando González, Antonio Guerrero e René González sono stati arrestati in settembre del 1998 per le autorità nordamericane ed immediatamente li hanno  isolato in celle di punizione per 17 mesi prima del giudizio.

Accusati del carico di cospirazione contro gli Stati Uniti, a Gerardo, Ramón ed Antonio, gli è stato addizionata l’accusa di cospirazione per commettere spionaggio, benché non gli occupassero nessun documento classificato.

Il caso dei Cinque -come sono conosciuti i lottatori nella campagna internazionale per la sua liberazione – si è portato a giudizio a Miami, ambiente che una corte federale di appelli descriverebbe come un “temporale perfetto” di pregiudizi.

Quel processo ha durato più di sei mesi, il più lungo negli Stati Uniti fino a quel momento, e si hanno presentato attestazioni di tre generali ritirati dell’esercito, i quali hanno coinciso in che non esisteva evidenza di spionaggio.

Sette mesi dopo all’accusa iniziale gliele è addizionato un nuovo carico a Gerardo Hernández: cospirazione per commettere assassinio, come risultato di una campagna pubblica con l’intenzione di vendicare la maceria da parte della Forza Aerea Cubana di due aerei di turismo di un gruppo estremista nel 1996.

Gli aerei di turismo appartenevano ad un’organizzazione che nei 20 mesi anteriori alla maceria aveva penetrato lo spazio aereo cubano 25 volte, oggetto di proteste reiterate di Cuba.

Alla fine del giudizio, il governo nordamericano ha riconosciuto per iscritto che era fallito in provare il carico di cospirazione per commettere assassinio imposto a Hernández.

Tuttavia, la giuria ha trovato colpevole, tanto a Gerardo come ai suoi compagni, di tutti i carichi dopo essere stati messi sotto un’intensa pressione da parte dei mezzi di stampa locali.

(Prensa Latina)

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*