Notizie »

Da che parte stare? Ecco chi sono i ‘buoni e i cattivi’ all’ONU secondo Washington

ONUIsraele, Regno Unito, Francia, Ucraina e Canada sono tra i Paesi che più spesso si sono posizionati dalla parte di Washington del voto all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2017. Questo è quanto mostra un rapporto del Dipartimento di Stato statunitense recentemente divulgato sul sito web dell’istituzione.

Il documento analizza come i diversi paesi membri delle Nazioni Unite hanno votato nel Consiglio di sicurezza e nell’Assemblea generale dell’organizzazione e se i loro voti coincidono o no con quelli degli Stati Uniti. I dati del rapporto mostrano che durante l’esame di 93 risoluzioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per tutto il 2017, la coincidenza del voto del resto delle nazioni con quello degli Stati Uniti era solo del 31%. In questa percentuale è stata osservata una drastica riduzione, che nel 2016 è stata del 41%.

I paesi che hanno mostrato il maggior accordo o servilismo, fate voi, con Washington – il Dipartimento di Stato li ha etichettati come “alleati” – sono, in ordine decrescente, Israele, Micronesia, Canada, Isole Marshall, Australia, Regno Unito, Francia, Repubblica di Palau, Ucraina e Repubblica Ceca.

Invece, tra i Paesi con il più basso accordo di voto con il paese nordamericano figurano lo Zimbabwe, il Burundi, l’Iran, la Siria, il Venezuela, la Corea del Nord, il Turkmenistan, Cuba, la Bolivia e il Sudafrica.

“Non è un risultato accettabile per il nostro investimento”

Ieri, la missione permanente degli Stati Uniti prima che l’ONU ha rilasciato una dichiarazione con un commento sui risultati di questa analisi.

Nel messaggio, l’ambasciatrice di Washington all’ONU, Nikki Haley, ha mostrato la sua indignazione perché la media del consenso ai voti con gli Stati Uniti era solo del 31%, quando invece il suuo paese è il più grande investitore dell’organismo internazionale.

“Il popolo americano paga il 22% del bilancio delle Nazioni Unite, più di prossimi tre paesi donatori più grandi messi insieme. Nonostante questo la generosità, il resto della Nazioni Unite ha votato con noi solo nel 31% dei casi, una percentuale che è inferiore rispetto al 2016. Questo perché ci preoccupiamo più di essere giusti che popolari”, ha affermato Haley.

“In ogni caso, questo non è un risultato accettabile per il nostro investimento”, ha aggiunto l’ambasciatrice.

Fonte: https://www.state.gov

da L’AntiDiplomatico

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*