Notizie »

Funzionari di compagnia statunitense sono coinvolti nell’aggressione all’ambasciatore venezuelano

Agresores-del-diplomático-venezolano-Rafael-Ramírez-Gabriel-Manzano-y-Tatiana-Low-vinculados-a-CitibankGli aggressori del diplomatico venezuelano Rafael Ramirez, Gabriel Manzano e Tatiana Low, occupano incarichi esecutivi nel consorzio statunitense Citibank, conosciuto come uno dei principali attori nella guerra finanziaria contro Venezuela.  

L’attuale ambasciatore del Venezuela denunciò recentemente presso l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) che due individui hanno aggredito lui e vari membri della sua famiglia nella città di New York.

Come riportano alcuni mezzi che controllarono i profili professionali degli aggressori, ambedue lavorano nella dipendenza di Citibank in Perù; Manzano, venezuelano di origine, come capo dei mercati e tesoriere, e sua moglie Low, oriunda della Colombia, è vicepresidente nell’area di Custodia e Compensazione.

Il sito La Tabla ha ricordato che Citibank è uno dei canali degli Stati Uniti per fabbricare una falsa immagine di supposta scarsità di effettivo in Venezuela per pagare il debito estero, con l’obiettivo di colpire la produzione dell’industria petrolifera della nazione sud-americana.

Fabbricare questa situazione artificiale per chiudere il finanziamento della sfruttamento dell’industria petrolifera, è il piano che Washington si è posto come parte della sua strategia per provocare un collasso del governo di Nicolas Maduro, ha messo a fuoco in un articolo il sito web.

Come parte di questa guerra non convenzionale, Citibank chiuse nel 2016 i conti del Venezuela in quell’istituzione finanziaria, fatto che implicò anche la sospensione del servizio come agente pagatore dei buoni di Petroli del Venezuela S. A. (PDVSA) che scadevano alla fine di quell’anno.

Detta decisione si prese quattro giorni dopo il fallimento di una mobilitazione di protesta convocata dall’opposizione a Caracas, ed a poco più di una settimana che il capo del Comando Meridionale, ammiraglio Kurt Tidd, convocasse un incontro a Miami con esperti in finanza per analizzare che cosa succederebbe se Venezuela rimanesse senza denaro, ha concluso il mezzo alternativo.

(Con informazione di Prensa Latina)
traduzione di Ida Garberi

foto: Noticia al Dia

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*