Notizie »

Madre del giovane bruciato vivo in Venezuela incolpa gli oppositori violenti

hombre-quemado-en-venezuela-580x326“Chi incolpo? L’opposizione, il loro vandalismo perché furono loro che gettarono benzina addosso a mio figlio e lo bruciarono vivo”, espresse così Ines Esparragoza, madre del giovane torturato da gruppi violenti, il 20 maggio scorso.

“Perché Julio Borges e Henrique Capriles lo permettono?”, si è chiesta la madre di Orlando Figueras, di 21 anni, bruciato vivo e pugnalato da elementi violenti, finanziati dai partiti dell’estrema destra oppositrice in Venezuela, nella zona di Altamira, municipio Chacao e che è deceduto ieri.

Borges -presidente dell’Assemblea Nazionale, in oltraggio alle autorità – e Capriles -governatore dello stato Miranda – sono due dei principali istigatori della violenza in cui è sommersa questa nazione sud-americana dai principi di aprile e che riscosse già la vita ad oltre 60 persone, ha provocato più di mille feriti e perdite economiche miliardarie .

Le dichiarazioni della madre di Figueras appaiono oggi pubblicate nella rete sociale di Twitter, dove ha esatto inoltre che si puniscano i responsabili di questo crimine.

“L’ammazzarono per il suo viso umile. Dio! Perché?”, gridava la donna al funerale di suo figlio.

Respinse anche le recenti dichiarazioni fatte dalla procuratrice generale, Luisa Ortega Diaz, che assicurò che il video dove si mostra come gli individui violenti bruciano vivo Figueras “è stato manipolato” dalle autorità.

“Io invito la procuratrice generale che venga e veda la verità”, ha detto la madre del giovane assassinato.

Inoltre, come se non bastasse aver perso un figlio morto ammazzato, Ines Esparragoza ha perso il suo impiego di domestica in una casa borghese, abitata da oppositori al governo. Dopo che la donna ha dato un’intervista a Ernesto Villegas, giornalista e ministro di Comunicazione ed Informazione del Venezuela, sabato sera, poco prima che suo figlio morisse, i suoi padroni le hanno comunicato che già non lavorava lì, perché non avevano bisogno di lei.

Villegas le promise che, attraverso istanze governative, si sarebbe risolto il suo problema di impiego. Posteriormente, nel programma “Los domingos con Maduro”, il ministro venezuelano informò anche che stavano aiutando la famiglia con le spese delle esequie del giovane assassinato.

Da Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Foto: @TarekWiliamSaab

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*