Notizie »

Noam Chomsky: “Le politiche neo-liberiste sono lotta di classe per abbattere democrazie e Welfare”

 

Noam Chomsky

Noam Chomsky

Obama ha appena visitato Cuba. È un segno che la politica degli Stati Uniti sta cambiando?

No. È un segno che il potere degli Stati Uniti sta diminuendo molto rapidamente. Intendo dire la capacità di imporre le decisioni su altri paesi, che è la definizione di potere nelle relazioni internazionali. Il viaggio è stato presentato come una iniziativa politica coraggiosa di Obama per porre fine all’isolamento di Cuba. In effetti, gli Stati Uniti, rischiavano di essere isolati nel contesto dell’America per la loro ostinazione nei confronti di Cuba. Nel 2014, in occasione del vertice delle Americhe tenutosi a Santiago del Cile, gli Stati Uniti si trovavano da soli su due punti: la politica nei confronti di Cuba e la guerra alla droga. Era chiaro che nel vertice seguente, che si sarebbe tenuto a Panama, la situazione sarebbe peggiorata, e che gli Stati Uniti rischiavano, in pratica, di essere isolati.
Il declino degli Stati Uniti si verifica soprattutto in relazione alla Cina. Esiste il rischio di un conflitto tra i due paesi?
Io non la penso così, perché la Cina ha il deterrente della politica estera e di difesa, non di proiettare il suo potere. Con l’eccezione del Mar del sud della Cina [una parte del Pacifico equivalente a sette volte la Spagna che Pechino sta in pratica annettendo]. Il vero problema è con la Russia. Recentemente, l’ex Segretario della Difesa di Bill Clinton, William Perry, ha detto che il rischio di un conflitto nucleare con la Russia è ora più forte che durante la guerra fredda. Vi è un arco di instabilità lungo il confine occidentale della Russia, dai paesi baltici fino alla Turchia passando dall’Ucraina.
Anche se la Cina sta diventando una superpotenza …

Anche se la Cina sta diventando una superpotenza economica, gli Stati Uniti continuano ad essere la potenza dominante nel mondo ?

Sarà l’influenza dominante. Ma stanno perdendo rapidamente forza. Tornando al caso dell’America Latina è una regione che è stata sottomessa per 500 anni alle élite straniere. E ora sta cambiando. Il mondo economico prima era unipolare, perché quando la seconda guerra mondiale si è conclusa gli Stati Uniti avevano più potere di quanto non lo aveva mai avuto alcun paese nella storia. Poi è diventato tripolare, con tre assi, uno intorno agli Stati Uniti, uno alla Germania e uno al Giappone ed è ora multipolare, con l’emergere del BRIC [l’acronimo di Brasile, Russia, India e Cina], Taiwan e altre locomotive economiche. Dal punto di vista militare, gli Stati Uniti non hanno rivali. Ma questo non si traduce in una capacità di imporre il proprio punto di vista sugli altri. Quando l’amministrazione Obama dice che “conduce da dietro” non sta mentendo. Questa espressione è nata durante l’intervento in Libia nel 2011, che è stato condotto dalla Gran Bretagna, che ha spinto la Francia, che ha spinto gli Stati Uniti. E ora in Siria, la politica degli Stati Uniti è totalmente contraddittoria. Obama sta appoggiando il gruppo più efficace nella lotta contro lo Stato islamico, che sono i curdi siriani, ma quegli stessi curdi hanno legami con i curdi iracheni, tra i quali ci sono organizzazioni che gli Stati Uniti considerano terroriste. E ancora i curdi della Turchia sono considerati dal governo di quel paese, che è uno dei più importanti membri della NATO, la più grande minaccia alla sua sicurezza nazionale.

Ma gli Stati Uniti avranno fatto qualcosa di buono?

A volte le conseguenze sono state utili, ma involontariamente. Ad esempio, l’occupazione dell’Europa da parte degli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale è stata in buona misura antidemocratica, e in paesi come la Grecia e l’Italia ha significato la soppressione del sistema democratico radicale [in entrambi i paesi i comunisti non presero il potere, in Grecia ha provocato una guerra civile]. Ma la ricostruzione, effettuata dagli europei, è stata un successo.
L’Europa è stata per due secoli il luogo più selvaggio nel mondo. E ora, grazie agli Stati Uniti, è più tranquillo.

E questo è stato deciso dagli Stati Uniti o è stata una coincidenza?

È stato in parte progettato da Washington. Gli Stati Uniti hanno sostenuto l’Europa unita perché era più vantaggiosa per le proprie aziende, che preferivano un mercato unificato. Ma è anche vero che gli Stati Uniti temevano durante la Guerra Fredda che l’Europa potesse diventare una terza forza tra Washington e Mosca.
Ma gli Stati Uniti sono ancora coinvolti in Europa. Ora, attraverso la NATO, che sta perlustrando le frontiere dell’UE e assumendo la leadership nella crisi dei rifugiati. Inoltre gestisce una grande parte dei costi, nella misura in cui gli europei spesso si astengono dallo sviluppare la propria politica di difesa ed estera, perché sanno che gli Stati Uniti se ne faranno carico.
Ma gli Stati Uniti pagano molto meno di quanto versavano nella guerra fredda e molto meno di quanto dovrebbero. Gli Stati Uniti non stanno accettando profughi provenienti dal Medio Oriente, almeno se li confrontiamo con paesi come la Svezia o la Germania. E, naturalmente, l’intero Occidente ospita molti meno rifugiati di paesi come il Libano o la Giordania, anche se queste persone sono in fuga da guerre causate in gran parte dalle politiche dell’Occidente.

A sua volta, in paesi come la Francia, con il Fronte Nazionale o la Germania, con i neo-nazisti, l’arrivo di questi profughi sta provocando reazioni nazionalistiche.

Questa è la vera crisi, non i rifugiati! Guardate gli Stati Uniti, a Trump, con il suo rifiuto dei rifugiati in Medio Oriente, e Obama, che è il presidente che ha espulso più immigrati privi di documenti. Le politiche di Obama verso il Messico e quella della Germania verso la Turchia sono molto simili. Entrambi dicono a quei paesi: “Prenditi cura tu di queste persone, allontanale dal nostro confine.” Tre settimane fa, un uomo che viveva qui a Boston da 25 anni, che aveva una famiglia e un lavoro, è stato deportato in Guatemala, da dove è arrivato negli anni ’80 perché nel suo paese si stava producendo un genocidio virtuale sanzionato e approvato dagli Usa. Prima si distrugge un paese e poi si rifiutano di ospitare i cittadini che da quel paese fuggono. È quello che fanno gli Stati Uniti con l’America centrale e il Messico, e quello che fa l’Unione europea e gli Stati Uniti con il Medio Oriente.

Parlando delle elezioni: i dati del World Values ​mostrano che il sostegno alla democrazia è in calo in tutto il mondo.

Non sono d’accordo. È l’abbandono del supporto alle democrazie formali perché non sono vere e proprie democrazie. In Europa, le decisioni sono prese a Bruxelles. Negli Stati Uniti, circa il 70% della popolazione -il 70% con i redditi più bassi – è completamente scollegato dal processo politico. Questo dimostra che c’è una grande correlazione tra istruzione e mobilitazione economica e politica. Non c’è da meravigliarsi che alla gente non entusiasmi la democrazia.

C’è il disincanto delle élite?

Certo. Le politiche neoliberiste sono state molto negative per la gente comune in tutto il mondo. In Europa applicare l’austerità nel bel mezzo di una recessione è stato assurdo, e anche gli economisti del FMI hanno criticato i loro effetti sui paesi periferici dell’euro, come la Spagna. È qualcosa che può essere spiegato solo come lotta di classe: l’obiettivo era quello di minare la democrazia ed eliminare le conquiste della socialdemocrazia, che sono state abbastanza significative. Quindi non ci dovrebbe sorprendere che vi sia stata una risposta.

da L’AntiDiplomatico, intervista scritta da El Mundo

tradotto da The Universal

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*