Notizie »

Conclude dialogo tra Cuba ed USA sui diritti umani

foto: Ramon Espinosa/ AP

foto: Ramon Espinosa/ AP

Il dialogo sui diritti umani tra Cuba e gli Stati Uniti è terminato oggi a Washington, e si aspettava che le parti offrissero dettagli della riunione.  

Su proposta dell’isola, entrambi i paesi hanno presentato questa mattina nella sede del Dipartimento di Stato un inedito scambio di criteri e posizioni sul tema.

In dichiarazioni ai giornalisti cubani accreditati qui per coprire le conversazioni, l’ambasciatrice presso le Nazioni Unite in Ginevra e membro della delegazione visitante, Anayansi Rodriguez, ha definito l’incontro rispettoso e professionale.

Come si annunciò, la rappresentazione cubana ha realizzato poi una conferenza stampa alle 18:00, ora locale.

Sempre Anayansi Rodriguez ha ribadito che l’inedito dibattito celebrato nel Dipartimento di Stato si è svolto in un clima di professionismo e rispetto, su basi reciproche e senza discriminazione di nessun tipo. D’accordo con l’ambasciatrice de L’Avana presso le Nazioni Unite a Ginevra, durante l’incontro si discussero le basi metodologiche per eventuali futuri incontri sui diritti umani, e si abbordarono temi di interesse da includere nelle agende di questi forum.

Come era pronosticabile, la riunione ratificò che esistono differenze sostanziali di percezioni al momento di abbordare i diritti umani, “ma anche che possiamo conversare in maniera professionale e civilizzata”, ha sottolineato.

Rodriguez precisò che le divergenze affiorarono tanto nella messa a fuoco sul tema della protezione e promozione di questi diritti nei rispettivi paesi, come nel loro trattamento a livello internazionale, negli spazi e strumenti multilaterali.

Cuba vedi i diritti civili e politici, sociali e culturali in una maniera indivisibile ed integrale, e non accetta che uno abbia un valore superiore all’altro, ha concluso.

Cuba e gli Stati Uniti abbordano temi di interesse mutuo, di forma parallela al processo di ristabilimento di relazioni bilaterali, annunciato il 17 dicembre dai presidenti Raul Castro e Barack Obama.

da Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*