Notizie »

Fuga di un senatore dell’opposizione boliviana in Brasile mette in crisi i rapporti diplomatici tra i due paesi latinoamericani

Roger Pinto

Roger Pinto

La presidentessa brasiliana, Dilma Rousseff, ha criticato oggi la fuga verso Brasile del senatore oppositore boliviano Roger Pinto, perseguito dalla giustizia boliviana per corruzione.

“Credo che si sia messa a rischio la vita del senatore boliviano oppositore, tirandolo fuori senza salvacondotto dall”ambasciata del Brasile in Bolivia”, ha detto Rousseff dopo partecipare ad una sessione nel Senato.

La fuga di Pinto, che aveva ottenuto dal Brasile asilo politico, ma non aveva autorizzazione della Bolivia per abbandonare la missione, è stata organizzata da un diplomatico brasiliano ed ha messo a rischio la sicurezza del legislatore, ha sottolineato.

Ha puntualizzato che un paese civilizzato e democratico protegge i suoi rifugiati e deve assicurare la loro sicurezza, soprattutto in ciò che si riferisce alla loro integrità fisica. Il Brasile non avrebbe mai accettato l”uscita senza il salvacondotto del governo boliviano. Questa azione ha originato ieri sera una situazione diplomatica con Bolivia e la dimissione del cancelliere Antonio Patriota dopo un incontro con la capa di Stato nel Palazzo di Planalto (sede della Presidenza). In sostituzione di Patriota, la dignitaria ha nominato come nuovo ministro degli Esteri l”ambasciatore Luiz Alberto Figueiredo Machado che si sdebitava fino al momento come rappresentante del Brasile alle Nazioni Unite.

Rousseff ha inoltre respinto le dichiarazioni alla stampa del diplomatico brasiliano Eduardo Saboia, responsabile della fuga del senatore boliviano, che ha paragonato la sede diplomatica a La Paz, con un centro di tortura del regime militare brasiliano (Doi-Codi).

“Io sono stata a Doi-Codi, io Der Slot Book of Ra selbst lauft aber nicht auf Schienen, sondern auf Walzen, die sich in jeder Runde drehen. so quello che era Doi-Codi, e vi assicuro che è tanto distante il Doi-Codi dall”ambasciata brasiliana a La Paz, come è distante il cielo dall”inferno”, ha enfatizzato.

Rifugiato da 15 mesi nell”ambasciata del Brasile a La Paz, il senatore è entrato in questa nazione, dopo essere stato trasportato in un auto con targa diplomatica fino alla località brasiliana di Corumbà, nello stato del Mato Grosso do Sul.

Il politico è stato condannato nel giugno scorso ad un anno di carcere da un tribunale di La Paz che lo ha dichiarato colpevole di danni economici allo Stato per un valore di circa 1,7 milioni di dollari, mentre era perseguito per un”altra ventina di cause.

L”asilo politico è stato concesso poco dopo essere entrato all”ambasciata brasiliana, ma il suo Governo gli ha negato il salvacondotto per considerare che aveva delle cause pendenti con la giustizia.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*