Notizie »

Sotto la pioggia, Chavez ha fatto un appello perché si vada a votare presto

Con una pioggia che non voleva smettere, il candidato e presidente della Repubblica, Hugo Chavez, ha incoraggiato a votare presto questo prossimo 7 ottobre affinché “a mezzogiorno la vittoria di Chavez sia indiscutibile, diamo una bastonata alla borghesia”, ha detto dal podio del viale Bolivar, nella chiusura della campagna elettorale.

Nonostante le condizioni climatiche, il Mandatario venezuelano constatò che “qua c’è un Chavez forte con voi, questo 4 ottobre”, data di chiusura della campagna presidenziale del 2012, che il Comando Carabobo ha deciso di chiudere a Caracas con diverse concentrazioni nei viali Bolivar, Lecuna, Messico, Universidad, Baralt, Urdaneta e Forze Armate.

Il candidato ha sottolineato ai suoi seguaci che “Chavez è tutti voi, per questo motivo Chavez vincerà il 7 ottobre, perché questa valanga bolivariana che viene percorrendo il paese questi ultimi giorni dobbiamo trasformarla in una valanga di voti, tutto il mondo a votare per Chavez il 7 ottobre.”

Inoltre, il leader della rivoluzione bolivariana, ha enfatizzato ai suoi simpatizzanti che devono alzarsi al primo suono della sveglia, “dovete alzarvi molto presto a votare”. Ha fatto notare che la sua “è una gran vittoria, la vittoria Bolivariana ed è quella che dobbiamo ottenere con i voti, da molto presto, tutti a votare per il futuro, per la vita, a votare per Chavez.”

Chavez ha affermato che non avrebbe parlato molto dovuto alla pioggia, mentre, ha indicato che “noi veniamo da lontano, questa nostra battaglia è lunga, ha più di cinquecento anni in questa terra (…). È per questo motivo che qua c’è in gioco la vita del Venezuela.”

Ha puntualizzato che “nelle nostre mani non si perde la vita della patria. Sono completamente sicuro, e soprattutto che nelle mani della gioventù non si perde il futuro della patria, da parte mia, io continuerò con voi perché il mio prossimo governo comincia l’8 ottobre.”

(Con informazioni di Noticias 365)

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*