Notizie »

Navi russe, pronte per salpare in difesa degli interessi nazionali in Siria

Varie navi militari della Marina russa del mare Nero sono pronte per salpare con rotta verso Siria, secondo affermazioni di una fonte dello Stato maggiore delle forze armate Russe all’agenzia Itar-Tass.

“Dal momento che il mare Mediterraneo si trova nella zona di responsabilità della Marina del mare Nero, è probabile che, in caso che sia necessario, le navi della Marina si dirigano lì per compiere il dovere di garantire la sicurezza della base di mantenimento e fornitura tecnica e materiale della Marina da Guerra della Russia che si trova a Tartus e che la Russia affitta alla Siria”, precisò la fonte all’agenzia di notizie russa.

A sua volta la catena statunitense NBC comunicò, citando ad alte cariche nordamericane, che un gruppo di militari russi è già in strada verso il porto di Tartus a bordo di una delle navi della Marina russa. La portavoce del Dipartimento di Stato, Victoria Nuland, segnalò che sta al tanto del reportage della NBC, ma non può confermare l’informazione trasmessa dalla catena.

Da parte sua, l’assessore aggiunto di Sicurezza Nazionale per le Comunicazioni Strategiche e Discorsi di Obama, Ben Rodhes, dichiarò che aveva visto i comunicati sul tema nei mass media, ma che non è “preparato per commentarli.”

“Dobbiamo studiare l’informazione e comprendere che cosa è quello che sta succedendo in realtà. Ma la Russia ha lì un porto [la base di mantenimento e fornitura tecnica e materiale di Tartus] che ha usato già anteriormente”, segnalò l’alto funzionario nordamericano.

Nonostante, un alto funzionario militare russo smentì chiaramente l’informazione che assicura che una delle barche russe naviga già con rotta in Siria. Ironicamente, aggiunse che od i servizi segreti degli USA funzionano male od i loro impiegati non studiano geografia a scuola.

preso da www.cubadebate.cu

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*