Notizie »

L’Ecuador si ritirerà dal TIAR, annuncia Rafael Correa

Il presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, ha annunciato nelle ultime ore che il suo paese si ritirerà dal Trattato Interamericano di Assistenza Reciproca (TIAR), organismo che, ha detto, è servito agli interessi statunitensi.

Al suo arrivo a Quito proveniente da Cochabamba, in Bolivia, dove ha assistito all’Assemblea Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA), il mandatario ha esposto le ragioni per le quali si adottò questa decisione.

Precisò che il TIAR implicava il compromesso di tutta l’America di unirsi di fronte a qualunque aggressione extraregionale, tuttavia, quando nel 1982 Inghilterra ha invaso le isole Malvine ed il TIAR obbligava a difendere l’Argentina, gli Stati Uniti appoggiarono l’Inghilterra.

In una conferenza stampa al suo arrivo a Quito, ratificò il suo messaggio espresso davanti al forum della necessità di rifondare l’OSA concorde con i tempi che vive l’America.

Lo scopo è il benessere dei nostri paesi, costruire la Patria grande, senza miseria, con dignità, e se non c’accompagna in questo l’OSA bisognerà creare qualcosa di nuovo e migliore, ha manifestato.

Correa ha segnalato che ha denunciato nella città boliviana gli errori nel Sistema Interamericano dei diritti umani, specialmente gli abusi della CIDH, come l’abuso di facoltà nelle sue funzioni.

“Per esempio, dove dice nello Statuto di creazione della Commissione che ha capacità per sollecitare misure cautelative. Loro stessi si sono auto-consegnati questa funzione con il loro Regolamento”, ha dichiarato.

Ha messo in evidenza che questo organismo è influenzato dai paesi egemonici, come gli Stati Uniti, dove si trova la sua sede, malgrado questa nazione non riconosca la CIDH, perché non ha firmato il Patto di San Josè.

Ha denunciato che la CIDH agisce come un’Organizzazione Non Governativa e partecipano in temi delicati a livello dei paesi, senza capire quello che succede, e da Washington vogliono dire che cosa bisogna fare o non fare.

“Questo è inaccettabile, non so con chi hanno creduto che stessero trattando, forse con delle colonie, ma qui trovano un Governo che rappresenta un popolo degno e sovrano”, ha aggiunto.

Correa non ha escluso la possibilità che l’Ecuador si ritiri dalla CIDH, ma ha assicurato che sì lo farà dal TIAR.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*