Notizie »

Obama bussa alle porte di Hollywood affinché appoggino la sua rielezione

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, busserà oggi alle porte di Hollywood con la speranza che tappeti rossi, stelle, luci della ribalta e glamour della Mecca del cinema spingano la sua campagna per la rielezione.

Un’esclusiva cena a beneficio di un secondo mandato del governante, organizzata in casa dell’attore nordamericano George Clooney, a Los Angeles, in California, spera di riscuotere circa 12 milioni di dollari.

Il banchetto riunirà 150 commensali che hanno pagato 40 mila dollari per persona, tra i quali emergono importanti dirigenti dell’industria cinematografica e famosi dello spettacolo, ha riportato il quotidiano The Wall Street Journal.

Perfino, per i simpatizzanti del mandatario che non hanno potuto finanziare simile pagamento hanno sorteggiato due ticket.

Un piccolo donativo era sufficiente per provare fortuna nell’iniziativa “Obama, Clooney e Tu” che ha permesso sommare nuovi milioni nelle casse del candidato, ha commentato il giornale.

D’accordo col comitato della campagna democratica, oltre al denaro che apportino gli invitati alla cena si riceveranno circa sei milioni di dollari in più provenienti dalle donazioni attraverso un concorso in Internet.

Mezzi locali emergono che questa riscossione è un record nella storia elettorale statunitense.

Ora, Obama sa che è il maggiore esattore di fondi, ha dichiarato Clooney.

Benché la lista degli invitati sia strettamente segreta, i simpatizzanti di Obama sono conosciuti: Steven Spielberg, Leonardo Di Caprio, Brad Pitt, Scarlett Johansson, Halle Berry, Reese Witherspoon ed Oprah Winfrey, alcuni dei famosi che hanno dato il loro voto al capo di Stato quattro anni fa, ha sottolineato la pubblicazione.

Tuttavia, non tutto è color di rosa per Obama, criticato anche da altre stelle.

Per esempio, l’attore Matt Damon l’accusò l’anno scorso in un’intervista con il canale televisivo CNN di avere incompiuto molte delle sue promesse politiche; mentre i cantanti Melissa Etheridge e Harry Belafonte, come il cineasta Michael Moore, hanno dichiarato di essere delusi da lui.

Nell’ottobre passato, il governante statunitense partecipò ad una festa latina in suo onore nella residenza degli attori Antonio Banderas e Melanie Griffith, destinata ad ottenere fondi con uguali obiettivi.

Obama progetta di ritornare a Los Angeles in giugno per un evento promosso dalla comunità omosessuale, nella quale agirà la cantante Pink e nella quale si aspetta che gli apporti per invitato vadano da mille 250 dollari e fino ad un massimo di 25 mila dollari.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*