Notizie »

Le Nazioni Unite rompono il silenzio sugli indigeni negli Stati Uniti

Le Nazioni Unite hanno informato questo venerdì attraverso alcuni dei suoi esperti che rimane molto da fare negli Stati Uniti per curare le ferite dell’oppressione subita dalle comunità indigene di questo paese settentrionale durante la storia.

L’opinione è stata manifestata questo venerdì da James Anaya, relatore speciale dell’ONU sui diritti dei popoli indigeni, dopo aver terminato un percorso nel territorio nordamericano per esaminare la situazione di questi conglomerati nel paese.

È evidente che ancora non si sono adottate misure adeguate di riconciliazione per vincere la persistente eredità della storia di oppressione subita dalle popolazioni autoctone, ha affermato lo specialista dopo un’investigazione di due settimane.

Anaya ha sostenuto scambi con rappresentanti di popoli indigeni, tribù e funzionari governativi a Washington, Alaska, Oregon, Dakota del Sud ed Oklahoma, ma si è dispiaciuto del fallimento dei suoi sforzi per riunirsi con i membri del Congresso.

Durante gli ultimi giorni “ho ascoltato storie che evidenziano le profonde ferite che i popoli indigeni continuano a soffrire a causa della storia d’oppressione che hanno affrontato”, ha sottolineato.

Questo include il sequestro della maggioranza delle loro terre e risorse, sottrazione dei bambini dalle loro famiglie e comunità, collasso di strutture tradizionali, perdita dei linguaggi, rottura dei trattati ed una brutalità sfacciata, tutto sulla base della discriminazione razziale, ha precisato.

Anaya considerò che questa storia non solo macchia il passato, ma trasporta nel presente gli svantaggi che soffrono i popoli indigeni negli Stati Uniti.

L’esperto ha qualificato come senza controllo ed irresponsabili le azioni dell’industria estrattiva in tutto il paese, in questione il settore minerario dell’uranio nel sudest che causa l’inquinamento delle fonti d’acqua ed altre risorse ed effetti negativi nella salute dei popoli indigeni.

Ugualmente, ha riflettuto che il trauma intergenerazionale sofferto da queste società si sente e si manifesta con forza nei mali sociali che affliggono gli indigeni americani in misure non sperimentate dagli altri.

A dispetto di questa realtà, il relatore dell’ONU ha sottolineato l’importanza dell’adesione del governo nordamericano alla Dichiarazione dell’ONU sui Diritti dei Popoli Indigeni, redatta nel 2010, tre anni dopo l’adozione di questo strumento.

Ha affermato anche varie iniziative vincolate alle consultazioni ed apertura di spazi ai gruppi autoctoni per la soluzione degli appelli per migliorare l’educazione e le attività economiche, tra gli altri temi.

Nonostante, Anaya ha chiesto azioni più energiche per la soluzione dei problemi che colpiscono le comunità native americane e dell’Alaska e l’hawaiana, “ho discusso con radici in un’oscura e complessa storia in cui l’eredità non risulta facile da superare.”

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*