Notizie »

Fidel Castro: il nostro dovere è lottare per l’umanità

Il leader della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, considerò che la lotta per l’amore dell’umanità deve prevalere, in un mondo marcato da minacce e scoperte scientifico-tecnologiche.

“Non c’è oramai più spazio solo per il bene nazionale, bensì siamo incorniciati nel bene mondiale… Il dovere nostro è lottare fino all’ultimo minuto, per il nostro paese, per il nostro pianeta e per l’umanità”, affermò in questa capitale durante la presentazione delle sue memorie Fidel Castro Ruz: Guerrigliero del tempo.

Secondo il quotidiano Granma, in un incontro celebrato venerdì nel Palazzo delle Convenzioni, il leader approfittò dello spazio del lancio di due tomi che abbracciano dalla sua infanzia fino a dicembre del 1958, previo al trionfo della Rivoluzione, per conversare su temi di attualità.

In questo senso, commentò che legge centinaia di notizie al giorno, seguendo nei dettagli la situazione in Venezuela, dove il suo presidente, Hugo Chavez, intesta un processo di trasformazioni centrato nell’inclusione sociale e l’integrazione regionale.

Inoltre segue le lotte degli studenti latinoamericani e del mondo per i loro diritti, le minacce che pendono sulla Siria ed Iran, il rischio del gas scisto, le prospettive della nanotecnología e l’importanza di Internet, sono state abbordate da Fidel Castro.

Poi il leader ha insistito nel ruolo dell’educazione nella formazione dei valori e difese l’insegnamento gratuito e di qualità.

L’educazione è la lotta contro l’istinto. Tutti gli istinti conducono all’egoismo, ma solo la coscienza può portarci alla giustizia, ha osservato durante l’incontro di sei ore.

I due tomi presentati con le memorie del leader sono il risultato delle sue conversazioni con la scrittrice e giornalista cubana Katiuska Blanco.

Il ministro di Cultura, Abel Prieto, ed il presidente dell’Unione degli Scrittori ed Artisti di Cuba, Miguel Barnet, ebbero a loro carico il lancio dei volumi che sommano circa mille pagine.

“Parleranno di due libri di cui voi non avete avuto notizia”, segnalò Fidel Castro poco prima della presentazione.

con informazioni di Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*