Notizie »

La Colmenita a Washington: con il compleanno di Tony Guerrero

La Colmenita a Washington

La Colmenita a Washington

Oggi 16 ottobre è stato un altro giorno molto bello in questa gita nella capitale degli USA.

Abbiamo avuto il piacere immenso di visitare il Museo dell’Aria e dello Spazio di Washington dove abbiamo vissuto molte emozioni, tra queste l’indimenticabile Planetarium, l’Apollo 10 ed il primo volo dei Fratelli Wright.

Quindi abbiamo visitato la Casa Bianca. Lì i bambini hanno improvvisato un animato dialogo con Concepcion Martin (”Connie”), una spagnola della Galizia con cittadinanza nordamericana che mantiene una protesta pacifista permanente di fronte alla Casa Bianca!! Dall’anno 1981!!! Da 30 anni: le 24 ore di tutti i giorni nella piazza Lafayette, di fronte alla Casa Bianca, “soffrendo -come ci ha detto – proibizioni, crudeltà e peripezie, temperature sotto zero in inverno e molto elevate in estate, piogge e nevicate. “Perché sto qui? Per fare capire alla gente che viene a visitare la Casa Bianca che non possiamo vivere sotto una continua minaccia di una guerra nucleare mondiale che significherebbe la fine dell’umanità. Sto qui in funzione della pace, perché definitivamente non c’è nient’altro di più importante”.
Più tardi i bambini sono andati a divertirsi, a giocare insieme con amici della solidarietà con Cuba in un’accogliente casa del Maryland, e quando il piacere con palle, biciclette, giochi di rugby ed i falò stava nel suo massimo splendore, si ascoltò il grido di: “Attenzione, sta chiamando Tony Guerrero…ed oggi è il suo Compleanno!” Subito dopo che ci hanno passato il telefono, gli abbiamo improvvisato un coro “colmenero” con gli Auguri Classici (“Tanti auguri Antonio, tanti auguri a te, tanti auguri felici…”) che è diventata una contagiosa conga di “Auguri” allo stile de La Colmenita, in spudorata imitazione di Los Papines. Quindi abbiamo sostenuto una bella conversazione dove si è ripetuta la storia del gruppo di bambini che si apprestano a dare coraggio a chi soffre l’indicibile e risultano essere loro a ri-animarsi grazie ad una volontà più ferma e serena.

Tony ci contò che aveva passato il compleanno con una visita della sua famiglia che l’aveva fatto molto, molto felice, e che “…Immaginatevi, e adesso questa conversazione con voi…”

Per cercare di calmare il momento emotivo, Carolina Fernandez improvvisamente incomincia a cantare una canzone per Tony, che è diventata molto popolare ne La Colmenita, quando compie anni qualcuno molto amato, e sussurrò all’auricolare del telefono la tenera ”Besitos”, del nostro amico David Torrens, che emozionò tanto nostro fratello che ha detto a Carolinita: “Tu non immagini come io dormirò questa notte dopo tutti questi baci che mi avete dato”… e dopo mi confessò a voce bassa: “Questa conversazione coi tuoi ragazzi era uno dei regali che io avevo prenotato per me in questo nuovo compleanno”.

Risulta che Carolinita è la stessa bambina che è stata protagonista della scrittura di una delle scene di Abracadabra, quando una notte, dopo le prime prove, mentre dormiva in casa di Muma (la maestra di Abracadabra e quella di Habanastation) in mezzo ad un blackout, le confessò che non poteva dormire, perché c’era molto caldo e troppe zanzare. Dopo un lungo silenzio, Carolina, una piccola di allora 10 anni, domandò a voce bassa: “Muma, e come dormiranno i Cinque?… Avranno caldo? Le loro celle, avranno finestre?”.

Giorni più tardi quando questa domanda arrivò per caso alla famiglia di Tony, questi inviarono un messaggio a La Colmenita: “Dica a Carolinita che Tony ha visto la sua prima finestra in questi dodici anni… nel maggio scorso”…

Questo è uno dei testi che dice la stessa Carolina, personificata come Maria Silvia, nella nostra “Abracadabra”.

testo di Carlos Alberto Cremata
foto di Bill Hackwell
traduzione di Ida Garberi

preso da www.cubadebate.cu

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*