Notizie »

Ucraina raccoglie firme per liberazione dei Cinque cubani

Rappresentanti di diverse organizzazioni politiche e sociali dell’Ucraina consegnarono oggi all’ambasciatore cubano Felix Leon Carballo, 40 mila firme raccolte nella campagna europea “Un milione di firme per la libertà dei Cinque”.  In una cerimonia solenne, sotto al busto dell’Eroe Nazionale cubano Josè Martì, situato nei giardini della missione cubana in Ucraina, hanno partecipato anche attivisti della solidarietà con Cuba e del Comitato Nazionale per la libertà dei Cinque.

I presenti esposero le loro ragioni per aver dato la loro firma ed esigere al presidente statunitense, Barack Obama, la liberazione di Gerardo Hernandez, Renè Gonzalez, Ramon Labañino, Fernando Gonzalez ed Antonio Guerrero.

I Cinque compiono dal 1998 severe sanzioni nelle carceri degli Stati Uniti per mettere in allerta il loro paese da azioni violente forgiate in territorio nordamericano.
Inoltre, l’occasione è stata propizia affinché Manuel Lopez, Coordinatore del Comitato Nazionale per i Cinque, spiegasse la marcia della campagna europea e denunciasse un’altra volta l’ingiusta ed immorale prigione che soffrono i lottatori antiterroristi.

Lopez reiterò l’esigenza di mettere in libertà i Cinque al governo nordamericano, smascherò il cinismo e la politica di doppia facciata di Washington.
Ciò si evidenziò un’altra volta con l’assoluzione del terrorista internazionale Luis Posada Carriles a El Paso, in Texas, il passato 8 aprile, ha denunciato Lopez.
Inoltre, il coordinatore del comitato per i Cinque ha fatto un appello ai presenti a raddoppiare gli sforzi mentre quasi sono già 13 anni di reclusione il prossimo 12 settembre.

Gli attivisti più distaccati in questa prima fase della campagna hanno ricevuto un diploma di riconoscimento a nome del Comitato Nazionale per la Liberazione dei Cinque.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*