Notizie »

Vandalismo dell’opposizione venezuelana provoca quattro morti

Foto: @galindojorgemij/ Twitter.

Foto: @galindojorgemij/ Twitter.

Un totale di quattro persone sono morte e varie risultarono ferite questo martedì in eventi associati alle proteste oppositrici in Venezuela, informò il ministro degli Interni del Venezuela, Nestor Reverol.  

Uno dei morti è Angel Enrique Moreira Gonzalez, di 28 anni, che gettò la sua motocicletta contro un altro veicolo dopo aver deviato il suo cammino per colpa di una barricata sistemata da gruppi vandalici, nell’autostrada Padros del Este, nello stato Miranda.

In un altro incidente di transito morirono due persone ed altre tre risultarono ferite questo martedì nello stato Carabobo, quando un autobus si schiantò “tentando di schivare una barricata” nel rotta Porto Cabello-Valencia. Tra le vittime mortali c’è una donna di 42 anni, di nome Ana Rodriguez, ed un’altra ancora da identificare.

In un altro tentativo di saccheggio è stato assassinato Yonathan Quintero, di 21 anni, nel viale Villa Florida a Valencia, capitale dello stato Carabobo. Il padrone di un negozio, di nazionalità asiatica, è accusato di sparare contro quelli che cercavano di saccheggiare il suo esercizio ed ammazzare il giovane.

Questo giovedì anche due funzionari della Guardia Nazionale Bolivariana (GNB) ed un poliziotto risultarono feriti da armi da fuoco in mezzo ai fatti vandalici successi nelle proteste convocate dalla destra nel paese.

Reverol responsabilizzò il deputato Julio Borges delle vittime degli atti vandalici successi in mezzo alle proteste convocate dalla Mensa dell’Unità Democratica (MUD) ed espresse che questi si incaricano di convocare proteste che sono al margine della legge.

Il funzionario ricordò che la Costituzione del Venezuela contempla il diritto alla manifestazione pacifica nel paese, ma condanna il terrorismo ed i fatti vandalici.

Gli eventi successi in mezzo alle proteste convocate dall’opposizione venezuelana fino al momento hanno lasciato 33 morti, più di 500 feriti, almeno 500 negozi colpiti e vari detenuti.

(Con informazione di TeleSur / EFE / AVN)

traduzione di Ida Garberi

Foto: @galindojorgemij/ Twitter.

Foto: @galindojorgemij/ Twitter.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*