Notizie »

Malessere sociale minaccia la democrazia: Chomsky

chomskyNoam Chomsky, uno degli intellettuali statunitensi più prestigiosi attualmente, crede che la bassa valutazione dei politici a livello mondiale non sia esclusiva della cupola dirigente, ma si estende ad aziende ed ad altre istituzioni, come parte di un malessere sociale generale.  

La scarsa popolarità degli attuali candidati alla Presidenza degli Stati Uniti non è qualcosa di eccezionale, ma fa parte “di un gran malessere sociale che minaccia la democrazia”, spiegò il linguista e filosofo, di 87 anni, in intervista con DPA, a Cambridge.

“Gli Stati Uniti si svilupparono da una democrazia verso una plutocrazia con appendici democratiche”, ha affermato Chomsky. “Tre quarti della società si sentono semplicemente non rappresentati”, analizzò.

Rispetto all’attuale auge del candidato repubblicano Donald Trump, a dispetto del suo discorso polemico ed aggressivo, lo scrittore crede che si basi in ampia misura nel disprezzo che da decadi ha la società della classe lavoratrice.

“Quelli che appoggiano Trump non sono i poveri. La maggioranza sono della classe lavoratrice bianca che nel periodo del neoliberalismo furono emarginati. Ora, queste persone sono amareggiate ed hanno rancore.”

Il professore emerito del Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha citato come seconda ragione dell’appoggio a Trump un rinvigorimento del populismo e dell’ultranazionalismo, qualcosa che sta succedendo anche in Europa: “C’è una correlazione diretta tra l’appoggio ai populisti autoritari e gli entusiasmati con Trump.”

A differenza di quanto successo anteriormente, questa volta i leader repubblicani non hanno potuto ostacolare il protagonismo di un candidato pericoloso. “Trump è unico. Non c’è mai stato nessuno come lui nelle nazioni industrializzate occidentali”, segnalò Chomsky.

Tuttavia, il processo si incornicia, secondo lui, in una trasformazione più ampia del sistema politico statunitense; che lui vede storicamente come un partito unico con due fazioni, repubblicana e democratica. “Il tutto non è così, oramai. Continuiamo ad essere un paese con un partito unico, il Partito degli Affari. Ed ha già solo una fazione.”

In realtà, crede che quelli che appoggiarono Bernie Sanders nella pre-campagna democratica potrebbero formare un nuovo partito indipendente dal democratico se avanza la trasformazione del sistema. Sanders affrontò dalla sinistra nelle primarie l’attuale candidata, Hillary Clinton, ma ha perso.

“Se avessimo un movimento dei lavoratori attivo e lottatore dello stile come quelli che ci sono stati negli Stati Uniti negli anni 30, probabilmente unirebbe i seguaci di Trump con quelli di Sanders”, ha detto questo linguista, che si è definito a livello politico come anarchico o socialista libertario.

“Sono molto differenti in molte cose, ma condividono centralmente la stessa furia per l’attacco alla classe lavoratrice bianca ed ai poveri. Questo potrebbe essere il principio di qualcosa completamente nuovo.”

preso da La Jornada

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*