Notizie »

Accusano due vescovi di occultare abusi sessuali negli USA

La Procura dello stato nordamericano della Pennsylvania accusò due vescovi cattolici di occultare gli abusi sessuali commessi da 50 sacerdoti e leader religiosi contro centinaia di bambini, rivelò oggi una relazione di investigazione.

Il documento di 147 pagine assicura che esistono prove per affermare che i vescovi James Hogan e Joseph Adamec, direttori della diocesi di Altoona-Johnstown dalla metà della decade degli anni 60 fino al 2011, sapevano delle denunce multiple di abusi.

Secondo la notizia, davanti ai fatti che si sono perpatrati per 40 anni gli accusati intervennero anche per ostacolare che la polizia ed i pubblici ministeri arrestassero i preti pederasti.

La relazione è stata il risultato di due anni di indagini, durante i quali si analizzarono più di 115 mila documenti, molti di questi scoperti quando le autorità entrarono nell’agosto scorso nella diocesi e trovarono un archivio segreto coi nomi dei sacerdoti accusati di delitti sessuali.

La procuratrice generale della Pennsylvania, Kathleen Kane, il cui ufficio ha resa pubblica la relazione, manifestò che tali condotte misero in pericolo migliaia di bambini e permisero che i predatori sessuali abusassero di innumerevoli vittime.

D’accordo con Kane, i crimini atroci sofferti dai minorenni sono assolutamente inconcepibili, ed ancora più inquietante è l’occultamento dei leader del clero che permisero di continuare il maltrattamento per decadi.

Allo stesso tempo, espresse la sua frustrazione perché non possono essere presentate accuse contro i sacerdoti che perpetrarono gli abusi dal 1966.

Ciò si deve a che vari dei responsabili sono morti, alcuni dei crimini sono entrati in prescrizione ed, in altri casi, le vittime sono tanto traumatizzate che preferiscono non parlare.

Dei vescovi accusati dell’occultamento, Hogan ha diretto la diocesi dal 1966 fino al 1986, ed è morto nel 2005; nel caso di Adamec, si ritirò nel 2011 ed è ancora vivo.

da Prensa Latina

traduzione di Ida Garberi

foto: DPA

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*