Notizie »

Raul Castro: Appello al nostro popolo

Raul Castro

Raul Castro

“Come è risaputo dal nostro popolo, l’Organizzazione Mondiale della Salute ha allertato sulla rapida propagazione del virus Zika che colpisce 32 paesi nel nostro continente, dichiarandola un’emergenza sanitaria di portata internazionale.

Benché non sia stato dimostrato con evidenze scientifiche che l’infezione con il virus Zika nella gravidanza sia la causa di tutti i casi di microcefalia riportati nei paesi colpiti, si è trovato invece un importante vincolo con l’incremento di questo difetto congenito.

La patologia si trasmette con le zanzare del genere Aedes. Non ci sono attualmente né vaccini né trattamenti per questa malattia, per tale ragione la migliore forma per prevenirla è l’eliminazione o diminuzione della presenza del vettore e la protezione contro le punture di questi insetti.

Fino al momento non si è scoperto nessun caso nel nostro paese, benché si vigilino e si studiano tutte le sindromi febbrili non specifiche per poter identificare immediatamente la sua presenza e si intensifica il controllo sanitario internazionale. Se si manifestasse qualche malato, esistono già tutte le condizioni per offrirgli un’assistenza medica qualificata.

Cuba ha sviluppato un lavoro intenso per diminuire la presenza del vettore, con l’obiettivo di mantenerlo a dei livelli che non siano pericolosi. Nonostante, fattori relazionati con l’inadeguata qualità tecnica del lavoro antivettoriale, il carente risanamento ambientale e condizioni climatologiche avverse, propiziano il rischio che si diffondano le malattie.

Davanti a questa situazione, la Direzione del Partito e del Governo ha adottato un piano di azione, sotto la conduzione del Ministero di Salute Pubblica, per affrontare il virus Zika e quindi la Dengue ed il Chikungunya.

Un’altra volta il vero protagonismo nella lotta contro le minacce di epidemie è in relazione con tutto il nostro popolo, perché per raggiungere il successo in questo importante e necessario compito è imprescindibile contare sulla sua partecipazione cosciente.

E’ urgente applicare un programma di risanamento intensivo nei centri lavorativi, nelle zone residenziali e dentro le stesse abitazioni, con la collaborazione attiva degli organismi, organizzazioni di massa e la comunità. È necessario che ogni cubana ed ogni cubano assuma questo combattimento come un tema personale, un problema che gli concerne, soprattutto per la responsabilità che rappresenta, in primo luogo, con la sua famiglia.

Come parte del piano di azione promosso, le Forze Armate Rivoluzionarie destinerà più di 9 mila militari, tra questi ufficiali permanenti e della riserva, come mezzo tecnico per rinforzare i lavori antivettoriali e di risanamento, con l’appoggio addizionale di 200 ufficiali della Polizia Nazionale Rivoluzionaria.

In questa congiuntura, è necessario che tutti i cittadini ed entità compiano assolutamente le norme sanitarie e le misure che garantiscano il combattimento del vettore, per non contribuire alla propagazione di epidemie ed altre condotte che la favoriscano o costituiscano un pericolo per la salute pubblica.

Dopo la tappa intensiva, deve implementarsi un piano di sostenibilità nel tempo che non sia una campagna in più, in modo che garantisca indici di infestazione minimi.

Come in altre occasioni, il nostro popolo saprà dimostrare la capacità di organizzazione per mantenere i livelli di salute raggiunti dalla Rivoluzione ed evitare così una sofferenza alle nostre famiglie. Come mai prima in compiti simili, si impone che tutti siano più disciplinati ed esigenti.

Raul Castro Ruz”

traduzione di Ida Garberi

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*