Notizie »

Jazz a Cuba: il Governo forma gratuitamente migliaia di musicisti di un genere che è “proibito”?

A Cuba, migliaia di musicisti jazz sono stati formati -gratuitamente- presso l’Università delle Arti (ISA) (1), la Scuola Nazionale d’Arte (ENA) (2), il Conservatorio Amadeo Roldan (3 ) ed in altre istituzioni ufficiali. A Cuba, la quantità e la qualità dei musicisti in generale -e di jazz in particolare- è senza pari nella regione.

Tuttavia, sono noti nel mondo questi artisti? Forse ad un pubblico specializzato sì è seguita l’opera di jazzisti residenti nell’isola come Bobby Carcassés (4), Pablo Menendez (5), Giraldo Piloto, Gloria Ochoa o Gaston Joya. E gli amanti del jazz possono sì conoscere altri eventi importanti come il Festival Internazionale Jazz Plaza dell’Avana (6).

Il gran pubblico, però, non ha mai sentito menzionare tali nomi. Ma sì quelli di Paquito D’Rivera (7) o Arturo Sandoval (8), musicisti anche’essi nati a Cuba e con grande spazio nei media internazionali. La ragione non è il loro innegabile genio come interpreti. Entrambi godono di promozione e spazio mediatico perché, semplicemente, vivono negli USA e sono acerrimi detrattori della Rivoluzione cubana. Una Rivoluzione a cui devono la loro formazione come musicisti, ma che non gli ha potuto offrire gli alti guadagni che oggi hanno negli USA.

Pochi giorni fa, il quotidiano spagnolo ABC, ha condotto una vasta copertura del Clazz Continental Latin Jazz Festival di Madrid, a cui erano stati invitati diversi artisti cubani, tutti residenti al di fuori del loro paese.

ABC ha realizzato tre interviste e in tutti i titoli si faceva riferimento non alla musica, ma alla posizione politica degli artisti contro il Governo cubano. Il trombettista Manuel Machado ha detto che “il jazz a Cuba -paese che ha lasciato negli anni ’90- era la musica del nemico” (9). Il Jazz, a Cuba, non è mai stato “proibito” -come afferma il musicista nell’intervista- benché in un tempo ben determinato, non fosse programmato alla radio e televisione dell’isola (10). Ma questo avvenne non meno di 40 anni fa! Grazie a questa intervista, però, migliaia di persone senza riferimenti storici hanno già incorporato, alla loro montagna di pregiudizi e menzogne su Cuba, una nuova: che il jazz è vietato sull’isola.

Nella seconda intervista, a Paquito D’Rivera, musicista di posizioni di estrema destra e difensore del blocco a Cuba (11), denunciava che “in Spagna (…) ci sono ancora persone che difendono Fidel” (12). Dovremmo allora chiedergli perché in una presunta “democrazia” con “libertà di stampa”, che assicura manca a Cuba, questa gente che difende la Rivoluzione cubana mai compare intervistata nei media, se non per essere linciata o annullata professionalmente (13).

La terza intervista era al musicista Arturo Sandoval, che si vantava di aver ricevuto la “Medaglia della Libertà” del Governo USA, e che si univa alle posizioni dell’estrema destra di Miami contro l’attuale dialogo tra i due governi “ciò che sta facendo la Casa Bianca è dare più benzina alla dittatura cubana perché rimanga al potere”(14). Ponendosi al fianco della potenza che ha imposto al popolo cubano uno spietato blocco e scambiando vittima per aggressore, giungeva a garantire che “le condizioni che pone Cuba sono molto diseguali (…) non credo che (la sua) risposta sia stata coerente con gli sforzi USA per ripristinare le relazioni”.

Il quotidiano ABC ha pubblicato, in questi giorni, diverse notizie su festival e concerti jazz in territorio spagnolo. Ma ai musicisti USA come Ornette Coleman (15) o Chick Corea (16) non gli hanno chiesto nulla sui fatti dell’agenda informativa come la brutalità ed il razzismo della polizia negli USA. Né ai musicisti che accompagnavano il defunto chitarrista andaluso Paco de Lucia (17), invitati al detto Clazz Continentale Latin Jazz Festival, l’ABC ha chiesto sul dramma sociale dell’Andalusia, con il 38,4% della sua popolazione attiva disoccupata (18).

Nel mentre, le scuole di musica di un paese povero e bloccato come Cuba, continuano a generare migliaia di talenti musicali per il proprio paese e per il mondo. Molti risiederanno e svilupperanno la loro carriera a Cuba. Altri decideranno di emigrare senza che ora -a differenza di epoche anteriori- si produca una rottura con le istituzioni culturali del loro paese (19). Qualcosa che senza dubbi aiuterà che, in futuro, questi musicisti cubani emigrati parlino più di musica che di politica. E difendere una superpotenza che ha cercato di uccidere, per fame, il loro stesso popolo non sarà più assolutamente essenziale per ottenere interviste promozionali (20).

di José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

Traduzione Francesco Monterisi

per vedere il video

(1) https://isauniversidaddelasartes.wordpress.com/2015/01/05/orbert-davis-lo-extraordinario-del-riesgo/

(2) http://www.ecured.cu/index.php/Escuela_Nacional_de_Arte

(3) http://www.ecured.cu/index.php/Conservatorio_Amadeo_Rold%C3%A1n

(4) http://www.politecnicojic.edu.co/luciernaga9/pdf/consumo_jazz_%28si%29.pdf

(5) http://www.cubacontemporanea.com/noticias/12685-pablo-menendez-eso-esta-prohibido-decian-pero-nosotros-lo-hicimos

(6) http://www.cubadebate.cu/noticias/2014/12/17/comienza-hoy-jazz-plaza-2014/#.VZENy1JGQ3g

(7) http://www.cubaencuentro.com/cultura/noticias/paquito-d-rivera-la-reforma-de-raul-castro-es-pura-cosmetica-279342

(8) http://www.voanoticias.com/content/sandoval-castro-concierto-cuba-juanes-arturo-colombia-56743972/84182.html

(9) http://www.abc.es/cultura/musica/20150626/abci-manuel-machado-jazz-latino-201506261245.html

(10) http://www.elmundo.es/elmundo/2010/10/11/cultura/1286798885.html

(11) http://www.tigo-sms.com/el-hombre-del-jazz-hablo-sobre-el-bloqueo-de-ee-uu-a-cuba/

(12) http://www.abc.es/cultura/musica/20140702/abci-paquito-drivera-entrevista-clazz-201407012209.html

(13) http://blogs.publico.es/luis-garcia-montero/1231/algo-sobre-willy-toledo/

(14) http://www.abc.es/cultura/musica/20150623/abci-arturo-sandoval-cuba-201506221835.html

(15) http://www.abc.es/cultura/musica/20150612/abci-ornette-coleman-revolucionario-jazz-201506121152.html

(16) http://www.abc.es/cultura/musica/20150612/abci-diana-krall-chick-corea-201506121747.html

(17) http://www.clazz.es/programacion/clazz-madrid-2015/#programa

(18) http://www.elmundo.es/andalucia/2015/04/22/5537b562268e3e80608b4589.html

(19) http://www.europapress.es/internacional/noticia-habana-ofrece-recibir-brazos-abiertos-artistas-exiliados-si-no-ignoran-compromiso-20141023181938.html

(20) https://lapupilainsomne.wordpress.com/2012/02/03/inventario-de-asombros-que-les-hizo-cuba-para-merecer-esto/

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*