Notizie »

El Mundo: propagandista del capitalismo sportivo denuncia l’uso politico dello sport a Cuba?

Il modello di sport professionistico di elite è intoccabile nei grandi media, che condividono con i club di calcio, basket o di baseball affari milionari (1). Un dibattito pubblico critico su questa materia è, ad oggi, sottoposto ad una implacabile censura. 

Al contrario, ogni volta leggiamo sulla stampa notizie e reportage che demonizzano -o ridicolizzano- il modello sportivo di Cuba (2), un paese che, con risorse minime e di fronte all’enorme pressione dello sport professionistico, ha cercato di preservare – con inevitabili adattamenti- l’originale spirito sportivo (3).

Un esempio lo abbiamo nella recente intervista del quotidiano spagnolo “El Mundo” a Jose Ramon “Gallego” Fernández, presidente del Comitato Olimpico Cubano (4), nella quale la cosa più importante per il lettore -pare- sia sapere quanto tardò il dirigente cubano nel ricevere il giornalista: “gli apparatchik sono gli stessi ovunque -si legge in un testo che sembra uscito da un romanzo della Guerra Fredda-. La diffidenza è i il suo linguaggio. Chiamate, accreditamenti e persino raccomandazioni sono necessarie fino a ricevere, giorni dopo, l’istruzione finale: “Tu chiama lunedì alle 09:00 in punto, a questo telefono”.

È interessante notare che lo stesso giornalista -Orfeo Suarez- accettava sportivamente, qualche tempo fa, che i presidenti del Real Madrid e Barcellona, principali club del campionato spagnolo di calcio, respingessero le sue richieste di intervista (5). Pensate voi che abbiamo letto una riga su ciò nelle pagine di “El Mundo”? Qualificò, il giornalista, questi dirigenti multimilionari come gli “aparatchick” del sistema… capitalista?

Ricordiamo che Orfeo Suarez, oggi capo redattore dello Sport del quotidiano “El Mundo”, è autore del libro “Gli Organi del Potere”, che affronta -ci dice- l’ “uso politico dello sport” (6). Nel prologo, si legge che “tutti i regimi politici, qualunque sia la loro fondazione e ideologia, sono d’accordo (…) nell’utilità politica dello sport” (7). Ma, curiosamente, se ci addentriamo nel libro, questo non parla di “tutti i regimi politici”, ma solo di alcuni: l’Unione Sovietica, Jugoslavia, Cina, Romania, Iran e, naturalmente, Cuba (8). Ma i governi europei, o quello USA, non hanno usato lo sport per i loro scopi politici?

La copertina dell’ultima edizione di questo libro non ha prezzo: in essa appare Maradona con un tatuaggio di Che Guevara sul braccio (9). Cioè, il Che, tradizionale simbolo della lotta contro il Potere per eccellenza -il Capitale – è riconvertito -per opera e grazia dell’industria editoriale- in- simbolo del Potere stesso!

La figura di Maradona serve anche all’autore per insultare Cuba, e per equiparare la dittatura fascista argentina degli anni 70 con la Rivoluzione cubana: “Da Jorge Videla a Fidel Castro il giocatore (Maradona) ha conosciuto tutte le versioni possibili di strumentalizzazione politica” leggiamo. E conclude: “Castro non ha perso occasione di offrire l’Eden socialista ad un martire del capitalismo” (10), riferendosi all’aiuto offerto da Cuba al giocatore per uscire dalla tossicomania (11).

Non a caso l’epilogo dell’ultima edizione di questo libro è firmato da Raul Rivero!, un anti castrista oggi retribuito dal quotidiano “El Mundo” e, per anni, giornalista al soldo delle agenzie USAID e NED appartenenti al Governo USA (12).

Mentre, dal suo posto di capo redattore dello Sport del quotidiano “El Mundo”, questo critico dell’ “uso politico” dello sport non commercializzato, per il quale Cuba è ancora impegnata (13), realizza ogni giorno un’accesa difesa e promozione dell’affare capitalista del calcio (14). E anche di altre manifestazioni ideologiche, come il più rancido nazionalismo spagnolo, esibito in un altro dei suoi libri: “Io sono spagnolo” (15) -. Ma, naturalmente, questo … non ha nulla a che vedere con la politica.

di José Manzaneda, coordinatore Cubainformación

Traduzione Francesco Monterisi

per vedere il video

(1)   http://www.rebelion.org/noticia.php?id=33842

(2)   http://www.mundodeportivo.com/futbol/america/20150609/20407287498/osvaldo-alonso-el-desertor.html

(3)   http://www.ecured.cu/index.php/Deporte_en_Cuba

(4)   http://www.elmundo.es/deportes/2015/03/03/54f58618268e3e2a798b4574.html

(5)   http://www.puntoencuentrocomplutense.es/2010/01/orfeo-suarez-tiene-que-existir-una-alternativa-a-este-tratamiento-del-futbol-cada-vez-mas-frivolo/

(6)   https://www.ucjc.edu/2015/03/el-profesor-orfeo-suarez-publica-el-libro-los-cuerpos-del-poder/

(7)   http://www.culturamas.es/blog/2015/02/17/deporte-politica-y-cultura-en-los-cuerpos-del-poder-de-orfeo-suarez/

(8)   http://www.elcultural.com/revista/letras/Los-cuerpos-del-poder/36301

(9)   http://www.rocaeditorial.com/es/catalogo/sellos/roca-editorial-5/los-cuerpos-del-poder-1866.htm

(10)          http://issuu.com/rocaeditorial/docs/los_cuerpos_del_poder-orfeo_suarez-

(11)          http://www.pagina12.com.ar/2000/00-01/00-01-18/pag16.htm

(12)          http://www.rebelion.org/hemeroteca/cuba/040518rivero1.htm

(13)          http://www.elmundo.es/cultura/2015/02/25/54ee091322601dbf188b4575.html

(14)          http://www.elmundo.es/social/usuarios/orfeo_suarez/

(15)         http://www.periodistadigital.com/24por7/futbol/2012/12/05/orfeo-suarez-seleccion-espa

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *

*